Gaetano Navarra: il mix è must

Sono passati venti anni esatti.
Era il 1990 quando l’affascinante Marpessa indossava sulla passerella di debutto assoluto di Gaetano Navarra a Milano Moda Donna  – allora si chiamava Milano Collezioni Donna – l’abito  che, rieditato e accorciato, ha sfilato oggi sulla passerella della sua collezione Autunno/Inverno 2010-2011.
Un vintage d’eccezione, che testimonia, come la moda, quella che è sinonimo di eleganza e di qualità, non ha davvero tempo…

“Mi sono lasciato prendere dal gioco della rivisitazione, ma, ancor più, dagli intrighi che nascono dalle contaminazioni materiche, con risultati che puntano all’originalità e alla novità, senza però dimenticare la lezione fondamentale della sartorialità, delle costruzioni studiate ed accurate. Concedendomi il piacere di qualche calcolato eccesso che regala alla collezione vibrazioni inconsuete”
Gaetano Navarra

Sono numerosi i segni che rimandano ad un passato che si può collocare, tra la fine dei ’60 e l’inizio dei ’70. a partire dalle lunghezze, quelle delle gonne decisamente corte che spuntano dai cappotti “midi”. Oppure dalla conformazione dei pantaloni, più rari rispetto alle gonne, che si allargano al fondo.

Tra i protagonisti assoluti, le lane fantasie dei tailleur “chanel”, virate in misure e proporzioni differenti, da micro a macro, che costruiscono giacche, abiti, cappotti, gonne, completati da ruches tagliate al vivo, da macro-borchie argentee, che sono quasi un leit motiv. in alternativa, la gonna di pelle con catene quasi punk, da indossare su una dolcissima blusa in crêpe di seta color nudo. pizzo e texture a stuoia sono altri protagonisti ricorrenti: nell’abito in cui il pizzo si alterna al tessuto coprente, nel giubbino, anch’esso in pizzo, con le maniche a raglan rientrate. Maglia tricottata e catene si mischiano, come i patchwork di tweed, le stampe leopardo, le materie argentate. argentate e “forti” sono anche le collane ad anelli grossi e boule…

Nel cappotto convivono tweed, lurex, pizzo, lana matelassé. nel montgomery, pelle, pizzo e tweed. il trench ha le maniche in jacquard di seta; gonne e abiti acquistano prestanza e volumi  grazie a drappeggi e volant, l’abito in maglia a piccoli squarci ha un filo passante che è un vero artificio tecnologico. Talora le borchie, di misure differenti, prendono il sopravvento, ridisegnano mini-abiti e gonne “armatura” in cui le borchie sormontano strati di plissé lievi. sul tweed risaltano paillettes piegate e bruciate.

Audaci le scarpe, con un vertiginoso tacco da 20 cm, che “non si vede” perché è color carne, mentre il piede è avvolto da fasce di daino che si annodano a fiocco appena sopra il tallone.

il gioco di rimando tra nero e carne governa il panorama cromatico, con l’eccezione dell’argento, qualche sprazzo di bronzo, tocchi più che discreti di blu in un collo di pellicce e bordeaux in una blusa.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy