Alberta Ferretti propone una donna cosmopolita, sexy ma mai volgare

Quando ho iniziato a pensare alla collezione per il prossimo inverno, ho pensato che fosse arrivato il momento di dare agli abiti la possibilità di parlare. In fondo ogni abito esprime un linguaggio e, a pensarci bene, gli abiti quando si ritrovano insieme, che sia su una passerella o in un guardaroba, riescono a costruire un discorso. Ecco, io volevo che ogni abito fosse riconoscibile per quello che sa esprimere. E un abito esprime il proprio linguaggio con proprio stile e la riconoscibilità di uno stile va costruita attraverso una ricerca cha dà all’abito stesso una sua originale preziosità e una sua identità.
La donna a cui mi ispiro e che immagino è la donna del presente. Cosmopolita, senza molte definizioni nazionali o caratteriali, che ha voglia di esprimere con eleganza anche il proprio lato sexy. Ma è una donna che ama il sexy-Ferretti, valorizza la personalità, rifugge la volgarità  e quindi  sa essere sexy in piena coerenza con la propria personalità. È una donna che sceglie la terza via del sexy.  Oggi possiamo vedere che le donne si dividono in due categorie: c’è chi sacrifica il proprio lato sexy e di conseguenza  anche la propria femminilità, e chi indulge a una volgarità che, oltretutto, mi sembra passata di moda…
Tutta la collezione nasce da un senso di ricchezza dei materiali con i quali è stata realizzata: tessuti, lavorazioni e volumi. Utilizzando questi tre elementi ho ottenuto una linea molto contemporanea. I tessuti, per esempio, sono molto ricchi e lavorati. Attraverso lavorazioni speciali, ho ottenuto dei ricami tridimensionali con un nastro di raso. Il taglio evidenzia le forme e i volumi sono spostati verso il dietro per ottenere una figura in movimento. A questo, ho aggiunto dei top di tulle color carne che sono indossato sotto la maggior parte degli abiti e sui quali sono stati applicati pietre e ricami che formano un gioiello che sembra tatuato o disegnato sul corpo. Proprio il color carne dei top sotto gli abiti esplicita una volta di più il sexy di questa collezione: il carne è un colore non colore un insieme di toni caldi e freddi, non è vistoso, anzi, è quasi invisibile eppure dà delle sfumature naturali e allo stesso tempo artificiali. Più che un colore è una tinta che possiede quella capacità di togliere ogni accento di volgarità perfino al nudo.
Alberta Ferretti

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy