MIDO VEDE POSITIVO

Eccellente il bilancio dell’edizione 2010. I dati finali dell’appuntamento più atteso dal settore confermano l’inizio di un trend positivo del comparto: più di 1.100 gli espositori, provenienti da 44 Paesi e rappresentativi di tutti continenti Buoni i riscontri dell’affluenza, nonostante il giorno in meno, il numero dei visitatori si è mantenuto stabile: 42.000 presenze, con un aumento degli stranieri del 5.5%.
Ottimi i riscontri dalle aziende e dai media .

Dopo l’anno della sfida, arriva quello delle conferme. L’edizione 2010 ha aperto i battenti all’insegna del cauto ottimismo e si conclude confermando l’impressione iniziale. Mido, ancora una volta, ribadisce il suo ruolo fondamentale per il comparto: è l’indiscusso appuntamento da non mancare a livello mondiale. E quest’anno – benché in un periodo di crisi – le aziende del mondo dell’occhialeria gli hanno rinnovato il loro attestato di stima, riconoscendo a Mido il suo grande valore aggiunto: la capacità di offrire, anno dopo anno, in uno strumento di marketing irrinunciabile e un’occasione di business e comunicazione unica nel suo genere.
A confermarlo sono i numeri: oltre 1100 espositori, distribuiti su 5 padiglioni e un totale di circa 42mila visitatori, in linea con lo scorso anno, pur avendo a disposizione un giorno in meno. L’andamento percentuale delle 3 giornate ha registrato un boom il venerdì con +27,5%. Un risultato ben oltre le aspettative visto il delicato momento che sta vivendo l’economia mondiale e la quasi concomitanza di altre fiere internazionali: come Shanghai, Mosca, Madrid e New York.
Ma è nelle difficoltà che si mostra il carattere: lo strumento fieristico di Mido si è perfezionato progressivamente, modulandosi su quelle che sono le esigenze delle aziende e le richieste del mercato stesso. Da questo costante confronto nasce una fiera che non è semplice vetrina, ma il posto designato “per fare vedere e far conoscere” i propri prodotti, per raccogliere ordini e per guadagnare la ribalta mediatica attraverso i mezzi di comunicazione.
Un ruolo che è ampiamente riconosciuto da espositori provenienti da ogni parte del globo. C’è chi la definisce «il più grande show del mondo*» e chi «un momento importante per incontrare i fornitori*». E ci sono anche espositori che già tirano le somme di questa edizione, definendola «la più bella degli ultimi anni*». I più pratici parlano di un buon riscontro di ordini ricevuti e «valuteranno i risultati nei prossimi giorni*». Anche gli esordienti dichiarano piena soddisfazione, «è il primo anno che esponiamo e siamo davvero molto soddisfatti: con gli ordini del primo giorno abbiamo già coperto le spese. Abbiamo allacciato contatti a livello internazionale: dall’Australia al Giappone e al Messico. Certamente torneremo anche il prossimo anno anche per l’ottimo supporto a livello organizzativo*». E tra i veterani spicca anche il commento   dall’associazione dei produttori ottici di Hong Kong: «È da circa trent’anni che siamo presenti a MIDO*», affermano. «Oltre il 50% dei nostri associati sono qui in fiera. Mido è veramente una grande possibilità per incontrare i nostri compratori e fornitori*».
Attestati di stima che arricchiscono il curriculum di questa fiera che proprio quest’anno compie quarant’anni, ma certo non sembra sentirli.
Continua il percorso di successo di Mido Design Lab, al Padiglione 24, che ha accolto le aziende più all’avanguardia in termini di sperimentazione e di design, che quest’anno ha ospitato anche la suggestiva mostra di foto storiche degli archivi di FieraMilano e Fondazione FieraMilano. E in generale grande è l’interesse riscosso da tutti e 5 i padiglioni: la razionalizzazione degli spazi ha concentrato in un’area più ristretta l’esposizione permettendo di visitarla in meno tempo: nello stesso intervallo temporale si sono potuti allacciare più contatti.
Fondamentale per la buona riuscita della fiera è stato anche il riscontro sui mezzi di comunicazione. Il successo di un Salone passa anche attraverso la cassa di risonanza dell’informazione: solo così una fiera si trasforma in un appuntamento dal respiro internazionale.  MIDO ha confermato il grande interesse da parte dei media: tv, stampa, siti web nazionali ed internazionali hanno seguito la Mostra con grande interesse. I servizi andati in onda nelle edizioni principali dei telegiornali nazionali, l’ampio spazio dedicato dai più importanti quotidiani e sul web provano che  Mido  non è solo il principale evento del settore, ma anche un vero e proprio evento mediatico capace di attirare l’attenzione dei consumatori finali.
Proprio a riconoscimento del fatto che la comunicazione deve essere una delle chiavi del successo di una fiera, per la prima volta Mido ha realizzato la sua web tv, MIDO TV (www.eyesway.com , www.mido.com), che ha permesso anche al grande pubblico di poter “partecipare” all’evento da sempre riservato solo al settore. Questa novità offre la possibilità a tutti di rivedere gli highlights del salone. Le interviste e i reportage realizzati dalla redazione raccontano le novità esposte, le opinioni degli imprenditori, oltre ai numerosi personaggi della musica, dello sport e dello spettacolo che hanno presenziato tra gli stand. Un servizio molto apprezzato dalla aziende e da tutti gli addetti ai lavori!
Carico di queste novità, Mido 2010 chiude i battenti: con la prossima edizione la fiera entrerà nel suo 5° decennio e dà appuntamento al prossimo anno dal 4 al 6 marzo.
 

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy