Tutte le donne sono assalite da un problema comune, le temutissime doppie punte! Esse non si limitano soltanto ad esistere, ma contano di ricordarcelo ogni volta che possono. Durante i momenti “morti” della giornata, una donna passa circa il 40% a spostare, sistemare e ad accarezzare i capelli, rendendosi conto della presenza sgradita delle doppie punte.

Grazie all’arrivo delle tecnologiche piastre liscianti, arriccianti, frisè ed effetto naturale, i nostri poveri capelli vengono aggrediti con quotidiana facilità.
Il più grande rimedio, come ci insegnano le nonne, è quello di prevenire. Il problema vede sicuramente protagoniste le chiome “vissute” con i tagli medio lunghi.

Ma cosa possiamo fare per evitarle?

Non esiste un unico metodo per aggirare il problema, ma tanti piccoli accorgimenti che possono fare la differenza. La prima cosa da evitare è utilizzare uno shampo troppo aggressivo, trattare i capelli con tinture e trattamenti invasivi, è uno dei problemi principali.
Risulta addirittura dannoso asciugare i capelli ad alta temperatura e a distanze minime, se poi aggiungiamo anche una spazzola dalle setole sintetiche, il disastro è compiuto.

Come prevenire le doppie punte ?
Oltre ad evitare prontamente questa serie di procedimenti, vanno acquistati dei prodotti come shampo e balsamo, più naturali possibili e con il minor apporto chimico. Utilizzare un impacco rigenerante, aiuta il capello a mantenersi sano e ad evitare l’effetto crespo, mantenendo le giuste distanze durante l’asciugatura.
Importante si rivela anche l’idratazione delle punte, tramite oli leggeri, come l’argan, mandorle dolci, jojoba e l’olio di cocco, prestando particolare attenzione a non renderli unti, con effetto decisamente sgradevole.
Limitare l’uso di piastre e spazzole aggressive, dovrebbe bastare ad evitare l’insorgere di doppie punte.

Chiamate in gergo tecnico Tricoptilosi, ricordate che il rimedio più grande rimane sempre una bella spuntatina con in mano una forbice!

Nancy Malfa

Categorie: Bellezza Tag: , , .

Articolo pubblicato da
in data: