La moda è irriverente, la moda é Stuart Weizman

La moda detta le regole, gli stilisti le interpretano e le fashion victim se ne appropriano. E’ tempo di rivoluzione, è tempo di stravaganze, chi meglio della donna Stuart Weizman può dare un taglio al passato e proiettarsi al futuro con nuove esagerazioni molto chic.

Per il prossimo autunno/inverno 2010 si parla di “Clog” alti e bassi, ma anche stivali e scarpe con plateau in legno, dalle punte oversize. Sofisticata ed elegante dai mood davvero strong per definire il carattere e la grinta di ogni donna.

Per la donna che ama lo stivale tanto da diventare uno stile di vita i tronchetti o i cuissardes a tutta gamba, un tocco per enfatizzare la caviglia.

Il vero interprete della moda è il tacco Strong&Sexy. Tacchi scolpiti come sculture e ricurvi, dalle forme sinuose, in pelle rivestiti di borchie e con inserti in lucite e sagomati. Interpretazioni femminili per diversificare lo spillo anche quattordici. Si perché la femminilità è lì, a portata di molte, ma non di tutte. Reinterpretare i look anche con accessori grintosi e davvero fuori dal comune, questo è quanto vuole comunicare la collezione Stuart Weizman. E i dettagli si mascherano e si camuffano in declinazioni metal dall’oro all’ argento per catene che avvolgono i tacchi, ma anche borchie, chiodi, fibbie e cerniere. Per le Hurban Jungle women palette di grigi, carbone, fumo, nebbia e colori roccia, per un nuovo camouflage.

I dettagli… Non si possono raccontare, si devono toccare con mano. Lavorazione matelassé, decolleté con plateau, decori oversize su ballerine ultrapiatte, influenze maschili per scarpe stringate all’inglese e stivali bassi in stile militare, ma anche frange, stivali con plateau invisibile, arricciature e intrecci. Grintosi quanto bastano anche i materiali, dalle pelli invecchiate e anticate, lavate, dall’effetto used e screpolato, al pony maculato, tribal, naturale all’elegantissimo e intramontabile coccodrillo semi-opaco.

Tendenze per la sera… Piume, decori come gioielli, in metallo e pietre dure, lucite e tacchi strutturati. 

Di Arianna Augustoni

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy