Kim-Kardashian---Alan-Gelati---Mostra-Faces-

Hublot, Radio Monte Carlo, Moët & Chandon per The Faces di Alan Gelati

I volti piu' belli della moda in mostra grazie a The Faces di Alan Gelati in esposizione dal 18 al 25 febbraio da Giannino, storico ristorante milanese .

I volti piu’ belli della moda in mostra grazie a The Faces di Alan Gelati.
Una retrospettiva del lavoro più importante del fotografo attraverso 40 immagini di celebrities selezionate tra i numerosi editoriali realizzati per Vogue, Vanity Fair, In Style, Harper’s Bazaar, MySelf, S Moda, Numero.

In esposizione dal 18 al 25 febbraio da Giannino, storico ristorante milanese appositamente allestito per la mostra, “Faces” è un racconto per immagini della profonda empatia che Gelati ha saputo instaurare con i volti di celebrità del mondo della moda, del cinema e dello spettacolo quali Nicole Kidman, Francis Ford Coppola, Kim Kardashian, Lindsay Lohan, Kristin Scott Thomas, Eva Herzigova, Michael Bublé, Lily Allen, Janet Jackson, Cate Blanchett, David Hallberg, Karen Mulder, Elle MacPherson.     

Lindsay-Lohan---Alan-Gelati---Mostra-Faces

Un appuntamento che promette grandi emozioni, e che vede il contributo Hublot, Radio Monte Carlo, Moët & Chandon Champagne.
Ad animare la serata il dj set di Radio Monte Carlo.

Un percorso di luce in tre parti che irrompe in apertura con la forza della fotografia in bianco e nero immortalando il glamour del cinema hollywoodiano per proseguire poi nel colore pulsante con gigantografie di icone dello star system e terminare con uno spazio visivo interamente dedicato ai ritratti scattati per Vanity Fair. “Un’immagine che rispecchia un dialogo immaginario tra due persone senza barriere sociali e culturali. E’ il mio pensiero creativo, l’energia che ricerco nel mio lavoro.” dice Alan Gelati.

“Alan era molto diverso da come me lo ero immaginato. Era italianissimo, attento, affettuoso, gentile. Ed era bravissimo. Mi aveva fatto ridere e soprattutto sentire a mio agio come mai prima”, scrive Daria Bignardi nella prefazione del catalogo della mostra .

“Ci siamo trovati d’accordo sul fatto che ci sia un solo modo per fare le cose bene: lavorando con moltissima passione, sincerità, umanità e tenacia. E poi c’è il talento: quel che fa sì che ogni ritratto di Alan Gelati sia qualcosa che rimane” aggiunge la presentatrice de Le Invasioni Barbariche.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy