Il Karuna Reiki

Quando un abbraccio o la cioccolata falliscono, ci pensa il Karuna Reiki

Siamo tutti parte di una unità cosmica, aiutare l’altro in difficoltà, porterà del benessere anche a noi, parola di Karuna e di Sentieri di Luce.

Siamo tutti parte di una unità cosmica, aiutare l’altro in difficoltà, porterà del benessere anche a noi, parola di Karuna.

Il termine Karuna viene usato nelle tradizioni dello Zen, ma in realtà è di origine sanscrita.
Nel Buddhismo e nell’induismo viene comunemente applicato a qualsiasi azione atta a diminuire la sofferenza altrui, e potrebbe essere tradotto come azione compassionevole.

Il termine Reiki definisce inoltre il metodo grazie al quale questa energia può essere trasmessa a uomini, cose, animali, piante, situazioni attraverso le mani dell’operatore.Il Karuna Reiki

Il presupposto iniziale è l’unione cosmica di tutte le forme viventi, quindi, è giusto e doveroso estendere l’azione compassionevole di Karuna ad ogni essere senza distinzione alcuna e, trasmettendo e ricevendo Karuna Reiki.

Attraverso le mani di un operatore, Reiki agisce sul corpo fisico, sulle emozioni e sul pensiero; è un sistema semplice ed efficace per rimuovere eventuali blocchi energetici presenti nel nostro organismo, dando il via al processo di riequilibrio che ci permetterà di vivere in modo più libero e consapevole la nostra vita.

Questa energia essendo intelligente va dove è necessario andare e tende a riequilibrare gli squilibri presenti nel ricevente, indipendentemente dalla nostra volontà personale e dal grado della nostra esperienza (non può essere usata per fare del male).

L’operatore di Karuna Reiki non è un semplice canale, ma diventa una cosa sola con l’Energia Cosmica la quale agisce in profondità e innesta nel ricevente una trasformazione verso un processo evolutivo spirituale a livello universale. Intervenendo sul corpo sottile viene accelerata la guarigione personale.

Una nuova moda? Un abbaglio? Forse.
Quello che sappiamo, è che nella nostra società la violenza è in contnuo aumento. Siamo tutti ansiosi e nervosa e chiudere li occhi, concentrandoci su quello che c’è di buono in noi e negli altri, non può che farci bene.
Di Raffaella Ponzo

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy