Garnier invia prodotti all’esercito d’Israele, ed è polemica

Garnier ha suscitato l'ira del web, con migliaia di utenti in ribellione per aver inviato i propri prodotti alle donne dell'esercito Israeliano.

Garnier oltre ad essere uno dei marchi più imponenti all’interno del beauty system, è noto anche per essere sempre vicino alle donne ed avvicinarsi come puo’ alle cause che le vedono protagoniste.

Stando alle ultime novità che circolano sul web, Garnier, avrebbe inviato alcuni dei suoi prodotti alle donne dell’esercito israeliano di Netanyahu, che puntualmente hanno condiviso la foto con tanto di scatolone, sui vari Social Network. In bella mostra il reparto femminile in divisa con deodoranti, creme e detergenti su uno sfondo che risulta decisamente controverso.

Secondo le fonti di Al Jazeera, questo gesto ha provocato un’ira mediatica non indifferente, con tanto di accuse e affermazioni forti come:

Saponi per pulire mani sporche del sangue dei cittadini di Gaza

oppure “Meglio preoccuparsi di donare prodotti di bellezza all’esercito o cibo e acqua ai civili palestinesi?”

“Invece di farsi belle, le donne israeliane e palestinesi dovrebbero parlare attorno a un tavolo”.

Insomma, questi sono solo alcuni dei commenti rilasciati da milioni di utenti su Facebook sul gruppo Stand with us, dove la maggior parte degli utenti non ha gradito il gesto di Garnier.

Nancy Malfa

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy