Guy Laroche - ss 2015 - sfilata Parigi

Guy Laroche punta tutto sull’eleganza alla Fashion Week di Parigi

Guy Laroche sperimenta un nuovo confine tra maschile e femminile: salopette in fresca seta s’indossano come smocking e sono abbinate a top di bikini.

E’ proprio questo il focus predominante di GUY LAROCHE con la sua sfilata PRIMAVERA ESTATE 2015. Una collezione pensata per una donna intraprendente e con uno spiccato senso di libertà; una silhouette femminile e fresca, semplice e contemporanea.

Ispirata da Claire Mc Cardell, celebre designer americana di metà 20° secolo e maestra dello spotswear di lusso, la collezione opta per forme grafiche e pulite e un complessivo approccio alla praticità.

Fedele al DNA distintivo della maison, androgino ma sensuale, la collezione sperimenta un nuovo confine tra maschile e femminile: salopette in fresca seta s’indossano come smocking e sono abbinate a top di bikini: mini abiti luminosi realizzati in tessuto di rafia, seta e lurex sovrapposti a morbide giacche doppiopetto.

Guy Laroche - ss 2015 - sfilata Parigi

Gli abiti sono il filo di Arianna dell’intera collezione: alcuni aderenti al corpo, con la vita alta e marcata, impreziosita da decorazioni al laser con un effetto devorè; altri realizzati attraverso un gioco di sovrapposizioni di pannelli in pelle soffice e tricolore. Per la sera gli abiti hanno un taglio irregolare e sono impreziositi da stampe op-art e una scollatura a V molto marcata allungando così la silhouette.

Traspare la consapevolezza nelle sperimentazioni dei materiali: pelle graffiata, leggera come tela, dona un ruvido  scintillio alle borse, alle scarpe e ai dettagli sui cappotti. I caftani sono decorati da dettagli in plexy colorati dal mood divertente e fanciullesco. Il risultato è allo stesso tempo artigianale e futuristico, discretamente complesso nella struttura ma facile da indossare.

Guy Laroche - ss 2015 - sfilata Parigi

Quanto agli accessori, una cartella a soffietto, sandali a tre strap e occhiali squadrati completano l’outfit con grazia ed eleganza. La palette di colori è composta dal blu marino e celeste, giallo canarino, azzurro cielo, conchiglia e bordeaux.

Per GUY LAROCHE un’estate all’insegna dell’eleganza sussurrata dove nulla è ostentato ma si impone per un calibrato gusto di proporzioni, colori e linee. Una nota giornalista seduta in prima fila allo show ha riassunto la sfilata con questa frase << Quando la classe non è acqua>>.

Di FRANCO LORENZON

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy