Origami: la moda guarda ad Oriente

Origami: la moda guarda ad Oriente ed i tessuti si plasmano di magia

La moda guarda ad Oriente, alla tradizione degli origami, per dare vita ad oggetti e ad abiti semplicemente perfetti ed atemporali. Jason Wu, Christopher Kane, Alexander McQueen e tanti ancora!!

La moda guarda ad Oriente, alla tradizione degli origami, per dare vita ad oggetti e ad abiti semplicemente perfetti ed atemporali.
Una modernità “antica” che rivive con forza nelle creazioni dei piu’ amati brand di moda.
Mary-Katrantzou@thecorner.com   Capi intrisi di prezioso orentalismo che vengono raccontati su TheCorner, dove gli intarsi e le sete si fondono in capolavori colorati e sensuali.
I tradizionali origami vengono letti in chiavi 3d, con lavorazioni hi-tech, e sartorialità pura, di grande impatto.

Un sapere arcaico catturato e riletto in un’estetica che si racconta tra le pieghe volutamente delicate.
Che eccelle nei plissè, dove apre la strada ad una dimensione sartoriale unica.

La scena è catturata dalle geometrie dell’abito e la mente va ai ricordi con la Couture di Galliano per Dior che li lavoro’ in rombi tridimensionali e distribuì a balza sul tubino di seta, oppure sull’eccentrico cappellino.

Ad Issey Miyake  oppure alle meraviglie del Maestro Roberto Capucci, che rilesse l’antica arte cromaticamente nel taffetà plissettato nel lontano 1985.

Oggi ritroviamo questo sapere millenario nei capi di Christopher Kane, Alexander McQueen, Jason Wu, Fausto Puglisi, Simone Rocha, Antonio Berardi, Viktor&Rolf,  e tanti altri ancora.
Non vi resta che guardare la gallery, per ammirare una moda strepitosa, dove il dettaglio è unico e magistrale.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…