Beneficenza: Gucci dona 25 milioni di Yen al Giappone

Gucci ha deciso di devolvere l'intero ricavato del foulard Gucci Flora in edizione limitata, per l'istruzione scolastica dei bambini in Giappone.

Le grandi aziende che siano di moda o relativi ad altri settori, sono spesso attivi nel campo della beneficenza o nell’ambito umanitario generico.

In occasione del 50° anniversario di Gucci nelle terre orientali del Giappone, il marchio italiano, non perde occasione per aiutare una delle associazioni più importanti e di alto livello. Il direttore creativo Frida Giannini ed il presidente Patrizio di Marco, hanno organizzato una cena di gala pochi giorni fa, in onore dell’evento benefico.

Una cena di gala di beneficenza in onore della Federazione Nazionale delle Associazioni UNESCO in Giappone (NFUAJ) presso il Ryogoku Kokugikan. Durante l’evento, Frida Giannini ha presentato una donazione di 25 milioni di yen all’UNESCO ricavati dalle vendite dell’edizione limitata del foulard Flora in seta presentato all’inizio di quest’anno.

UNESCO è partner di Gucci in Giappone sin dalla creazione nel 2012 del programma “UNESCO Association Scholarship – Gucci Scholar”, nato per offrire borse di studio a studenti di scuola elementare e media di aree particolarmente danneggiate dal disastro del grande terremoto del Giappone orientale del 2011. Alla cena hanno partecipato 250 ospiti, tra i quali Noboru Noguchi del NFUAJ e numerose celebrity, esponenti dell’economia e della cultura. Gli ospiti hanno anche assistito a un video messaggio di sostegno di Hakuho, un grande campione di sumo e Campione dello Sport UNESCO.

Gucci dona 25 milioni di Yen al Giappone

UNESCO Association Scholarship, in collaborazione Gucci Scholar, punta a migliorare la situazione scolastica in alcune zone disagiate del Giappone, con maggiore attenzione per quelle zone distrutte dal terremoto del 2011. I membri della maison italiana, durante il ricevimento hanno consegnato all’organizzazione 25 milioni di yen.

Il denaro sarà utilizzato per borse di studio relative a studenti di scuole elementari e medie. Il ricavato è stato detratto interamente dalla vendita del foulard Flora in edizione limitata, durante l’anno corrente. Oltre a presenziare durante la serata, Frida Giannini ha constatato con mano la situazione disagiata, visitando le zone terremotate. Un evidente esempio per tutti!

Junko Kubo, inviata speciale del NFUAJ World Terakoya Movement, ha partecipato in qualità di cerimoniere, presentando l’evento da un palcoscenico centrale collocato dove solitamente si trova il ring da sumo. L’evento ha avuto inizio con un coro di 160 studenti di scuola media e superiore, tra i quali alcuni della regione del Tohoku, colpita dal grande terremoto del Giappone orientale, che ha cantato per gli ospiti dalle balconate circostanti. A conclusione dell’evento, la pluripremiata artista internazionale Jessie J – che nel 2013 aprì il concerto The Sound of Change Live, presentato dalla campagna di Gucci CHIME FOR CHANGE – si è esibita in una speciale performance dal vivo.

Celebrando le relazioni bilaterali tra il Giappone e l’Italia di Gucci, gli ospiti hanno gustato un menu frutto della collaborazione culinaria tra Yoshihiro Murata, proprietario di Kikunoi, un ristorante tradizionale giapponese di Kyoto che vanta 3 stelle Michelin, e Yasuhiro Sasajima, il proprietario nonché  chef de Il Ghiottone, ristorante italiano a Kyoto.

Tra gli importanti ospiti che hanno partecipato alla cena erano presenti Hide Nakata, Yusuke Iseya, Emi Takei, Kyoko Hasegawa, e Rila Fukushima.

Non solo, il giorno successivo Frida Giannini si è recata a Sendai per visitare la zona di Arahama, costatando di persona gli effetti catastrofici del terremoto e dello tsunami che hanno provocato conseguenze devastanti nel marzo 2011. Al Yume Messe Miyagi Frida Giannini ha incontrato gli studenti che hanno beneficiato del fondo “Gucci Scholar” sopravvissuti al grande terremoto del Giappone orientale del 2011. Un artigiano fiorentino di Gucci era presente per mostrare agli studenti la realizzazione artigianale di articoli in pelle. L’iniziativa fa parte del coinvolgimento della Maison nelle attività della comunità locale attraverso iniziative volte a conciliare i valori comuni con il nostro futuro.

Frida Giannini ha dichiarato: “È stato un onore, durante questa serata, avere avuto la possibilità di condividere con la popolazione giapponese quanto sia fondamentale l’istruzione per i bambini. Offrendo il nostro costante sostegno, affermiamo la convinzione secondo cui ogni bambino ha il diritto di ricevere un’istruzione in quanto bene eterno”.

Nancy Malfa

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy