Per Armani Lady GaGa sa trasformare l’eccentricità in eleganza

LADY GAGA A GQ:"PER ME IL LAVORO NON FINISCE CON LE CANZONI,C'

"Non intervisterai mai più un’artista di 20 anni così concentrata e appassionata. Neanche per sogno". Lady Gaga esordisce così, in puro stile diva, all’intervista con GQ che, in edicola dal 3 novembre, le dedica la copertina. A un mese dalla tappa italiana del suo Monster Ball Tour, Stefani Joanne Angelina Germanotta racconta il suo percorso artistico, a partire dagli esordi sulla scena burlesque di New York: "salivo sul palco avvolta da cinghie di cuoio, con una frangia dietro la schiena che in teoria doveva coprirmi il culo, incendiavo lacca per capelli, ballavo i Black Sabbath e cantavo canzoni che parlavano di sesso orale. Ho frequentato la scuola cattolica, ma ho trovato me stessa nell’underground di New York". In superficie, non c’è niente del pop superprodotto di Lady Gaga che la rende diversa dal resto della musica commerciale moderna, ma è tutto il pacchetto che va valutato: "Credo di avere il giusto concetto di pop e di sesso. Ho fatto un gran disco, non c’è altro da dire e alla maggior parte dei fan interessa solo saltare dietro quel ritmo killer. Per me il lavoro non finisce con le canzoni, C’è la moda, la performance, e le vibrazioni di energia che rimbalzano negli occhi dei fan e mi tornano indietro".

E a proposito di moda re Giorgio Armani si è scomodato per collaborare a ideare le sue folli mise: "Ognuna è disegnata e messa a punto con lei, che partecipa sempre al progetto con grande disponibilità ed entusiasmo", ha dichiarato. "Quello che più mi diverte, in questa collaborazione, è la libertà con cui entrambi ci esprimiamo e che mi permette di raccontare l’essenza di artista di Lady Gaga, in forma e modi di assoluta originalità. Lei ha visto in me un “tocco magico” ben oltre la definizione di classico e io ho colto in lei un senso di forte eleganza che trasfigura anche gli abiti più eccentrici".

L’ascesa di Lady Gaga è stata rapida, inesorabile e globale. "Ho sempre voluto essere una star. Mi sacrifico, soffro e sanguino per coltivare la mia creatività". E alla domanda se, da ragazza, della celebrità non aveva un po’ paura si è messa a ridere. "Non mi importa di non poter andare a fare la spesa al negozio sotto casa. E non mi importa di non poter andare in un club a ubriacarmi per paura di essere fotografata. Non lo faccio e basta. Sto a casa a lavorare. Faccio musica e arte per vivere".

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy