#Sfilate: Vivienne #Westwood Red Label AW15-16

A Londra Madame Vivienne si racconta attraverso gli occhi della ragazza che voterà Green!

Il suo "Vivienne Westwood Red Label " è da sempre uno spettacolo da non perdere. Oggi ancora di più...è una denuncia sociale.

Vivienne Westwood ha speso la sua vita nella moda, diventando una delle stiliste più amate, seguite ed apprezzate del mondo.
La amano i suoi colleghi, la venerano i suoi fans, e lei ricambia, con il suo sorriso ed il suo calore, il loro amore.
Nei suoi bozzetti traspare il suo amore per l’antica storia britannica, la sua attenzione nell’abbinamento di tessuti tipicamente “british” come il tweed ed il plaid.

#Sfilate: Vivienne #Westwood Red Label AW15-16
Stili classici riletti dalla creatività di Madame Vivienne con linee asimmetriche e drappeggi unici.
Le sue sfilate sono sempre uno spettacolo meraviglioso, creativo ed alternativo, è inutile, Vivienne Westwood sa sorprendere e lo fa lanciando dichiarazioni dalla passerella.
Il suo “Vivienne Westwood Red Label ” è da sempre uno spettacolo da non perdere.
Oggi, la sfilata ha conquistato, la nuova collezione per il prossimo autunno inverno 2015/16 si racconta con una favola nella quale la stilista si identifica molto.

E’ il viaggio di una ragazza che ha avuto la fortuna di nascere in campagna e di essersi trasferita poi a Londra.
Una fanciulla che conosce i nomi di tutti gli alberi, che ama leggere, studiare.
A Londra non conosce solo i locali alla moda, ma trascorre molto tempo nei musei.
Una donna moderna, attenta all’ambiente e alla storia, che ama l’arte ed è fermamente convinta dell’importanza della cultura.

#Sfilate: Vivienne #Westwood Red Label AW15-16
Un messaggio chiaro, semplice e dannatamente vero ” se avessimo una vera cultura non saremmo nella situazione in cui siamo”
Il monito di Madame Vivienne ai giovani è che abbiamo sostituito la cultura con quella del consumo, che appunto, è una cosa totalmente differente.
Il risultato? Un mondo dove l’1% della popolazione mondiale detiene il potere, che predica al consumo, che predica la guerra e che sta portando tutto alla deriva.
Il messaggio finale?
“Non serve a nulla votare per gli altri. La ragazza Red Label voterà Green.”

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy