Gucci - sfilata milano moda donna - fw 2015716

Per Gucci ‘Il contemporaneo è l’intempestivo’

#sfilate #mfw : per #Gucci una collezione che si colloca in quella soglia inafferrabile fra un “non ancora” e un “non più”.

Da Gucci cambia tutto, anche il set della sfilata, che scommette sull’imperfezione pensata da Alessandro Michele.
Il dopo Frida Giannini è anche nelle coreografie che giocano una nuova affermazione di libertà.
Libertà di scegliere chi essere al di là del già detto è il diktat per la sfilata di Milano Moda Donna.

Sullo sfondo la cittàGucci - sfilata milano moda donna - fw 2015716 contemporanea: luogo di imprevisti, fratture, scarti e amnesie.
Ma soprattutto luogo dove si mescolano realtà e desiderio, testimonianze e profezie, tracce di mondi pre-esistenti e barlumi di mondi in gestazione: indizi necessari per produrre nuove grammatiche e prefigurare inedite possibilità di esistenza.

“È davvero contemporaneo chi non coincide perfettamente col suo tempo né si adegua alle sue pretese ed è perciò, in questo senso, inattuale; ma, proprio attraverso questo scarto e questo anacronismo, egli è capace più degli altri di percepire e afferrare il suo tempo.
La contemporaneità è quella relazione col tempo che aderisce a esso attraverso una sfasatura.”
(G. Agamben)

Sulle passerelle sfila una donna dall’aria androgina e chic, una femminilità che gioca sull’ambiguità con gonne longuette di pelle plissettata oppure in pelle, dai forti tocchi vintage.
Una collezione che si colloca in quella soglia inafferrabile fra un “non ancora” e un “non più”.

Una soglia di contaminazioni temporali per il prossimo autunno inverno 2015/16 della Maison dove, sopravvivenze del passato si intrecciano a pref igurazioni di futuro.
In questa cornice, alcuni frammenti dimenticati vengono riammessi in nuovi orizzonti di senso: fiori rubati da tappezzerie abbandonate in una soff itta, uccelli che ricamano preziose promesse d’amore di gusto georgiano, abiti con pieghe cariche di memorie.

Si tratta di dettagli intempestivi, disturbi esemplari, sfasature e diacronie che rivendicano l’inattualità come f iltro per accedere a una migliore comprensione del presente.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy