Giunta alla XVIII edizione, la manifestazione AltaRomAltaModa inizia il 29 Gennaio e termina il 1 Febbraio 2011 nel complesso monumentale S. Spirito in Sassia.

Sfilate dei grandi nomi ma anche stilisti che non hanno mai calcato le passerelle romane e un focus sulla creatività ‘Made in’ “Who is on Next?”.

Al Tempio di Adriano la terza edizione di Fashion on Paper, il primo festival internazionale dedicato all’editoria indipendente di moda, promosso e organizzato da Altaroma nell’ambito della manifestazione.

La seconda edizione di LIMITED / UNLIMITED, "Small Objects of Desire” e’ un progetto curatoriale che prende in esame l’oggetto come "unicum", sia esso un capo, un gioiello, una scarpa, una borsa, o un cappello. Una mostra pensata come manifesto autentico di individualità stilistica ispirata sia dal passato che dal futuro. Ognuno dei 40 stilisti partecipa con una creazione rappresentativa.

LIMITED/UNLIMITED è ospitata nel salone monumentale della Biblioteca Casanatense, che custodisce solo manoscritti rari. Creazioni contemporanee esposte in teche antiche avvolte dall’atmosfera di un luogo semioscuro e simbolico. E come riferimento di questa nuova corrente estetica, un focus dedicato all’haute couture italiana a cura di Sofia Gnoli Out of the Time. Guardaroba di signora. Protagoniste della mostra sono quelle signore che, attraverso il loro guardaroba, hanno trasformato lo stile italiano in un evergreen, lontano anni luce dalle volubilità della moda.

Arrivata alla terza edizione Fashion on Paper, si condensa in due giorni per rispondere alle esigenze degli invitati e ridefinisce la sua formula e si arricchisce di contenuti. Non solo una piattaforma dove le riviste e i blog moda indipendenti italiani e internazionali fanno conoscere il loro lavoro e fanno sistema, ma anche il luogo in cui, attraverso mostre e talk, si possono approfondire caratteri, modi, estetiche delle scelte indipendenti.
Dopo il successo del progetto A.I., Artigiani/Italiani, nato per dare un’immagine delle nuove realtà artigianali italiane e creare un archivio in continuo aggiornamento grazie anche ad un blog, Altaroma rende omaggio all’arte del ‘fatto a mano’ declinando l’eccellenza dell’alto artigianato con un magazine semestrale in italiano e inglese che copre a 360° tutte le arti e i mestieri che continuano a vivere mantenendo alto nel mondo il pregio del più autentico ‘Made in Italy’. Il numero zero sarà presentato durante la manifestazione.

Presenti i nomi consolidati delle Maison storiche: Sarli, Gattinoni, Curiel, Balestra e come di consueto in Gennaio la haute couture di Marella Ferrera ambasciatrice della Sicilia più colta e raffinata attraverso i suoi abiti. Dal Libano Abed Mahfouz e Tony Ward con la loro couture glamour e una new entry per le passerelle di Altaroma Jack Guisso. Camillo Bona presenterà la sua ultima collezione ma anche Rami al Ali il noto stilista di origini siriane insieme a Nino Lettieri, Giada Curti. Ritorna dall’Olanda Addy Van Den Krommenacker a calcare le catwalk di AltaRomAltaModa.

La continuità del progetto “Who is on Next?” il concorso ideato e realizzato da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia dedicato ai talenti sempre più richiesti dalla moda nazionale ed internazionale vedrà una selezione giovani designer. Il vincitore di quest’anno Erkan Coruh, la finalista Elisa Palomino e un brand lanciato da Altaroma i Leitmotiv che confermano Altaroma come sede ideale per la loro couture.

Guest designer di questa Fashion Week il brand (Es*) Artisanal by Fabrizio Talia giovane e talentuoso creativo che punta tutto sui metodi di altissimo artigianato. Una lezione di stile nel senso più stretto del termine, incurante delle leggi del marketing. Capi unici, made – to – measure e customizzati. Tecniche applicate che rendono impossibile produrre due capi identici. Una haute couture squisitamente tradizionale ma futurista. Una rivisitazione contemporanea della couture che si oppone alla globalizzazione, riappropriandosi della cultura e della tradizione, in sintesi, i valori dell’artigianalità e dell’unicità stessa delle sartorie romane.

In calendario i final work dell’Accademia di Costume e Moda, dell’ Accademia di Belle Arti – Frosinone La premiazione del concorso ‘Il guanto di Sfida’ indetto da Merola Gloves e destinato agli studenti dell’Accademia Koefia, dell’Accademia di Costume e Moda e dello IED Moda Lab di Roma per mettere in risalto la validità formativa delle istituzioni scolastiche e accademiche di settore, presenti sul territorio.
Per Ethical Fashion, il progetto nato dalla collaborazione tra Altaroma e ITC – International Trade Centre, agenzia dell’Onu e del WTO – la conferma dell’impegno per coinvolgere le aziende del settore moda italiane e internazionali. Ilaria Venturini Fendi torna con Carmina Campus all’appuntamento con Altaroma ospitando nel suo spazio RE(f)USE un esperto di innovazione e green management, Fabrice Leclerc. Tra le borse, gli accessori e i mobili Carmina Campus, tutti pezzi unici realizzati con materiali di riuso e di riciclo, verrà creato uno spazio di incontro all’interno del quale Leclerc esporrà le sue teorie sull’impellente necessità di un nuovo modello economico.

Categorie: Fashion News Tag: .

Articolo pubblicato da
in data: