pillola contraccettiva donna

La pillola dimezza il rischio di tumore dell’endometrio

L'Università di Oxford, dopo uno studio durato trent'anni, rivela che la pillola contraccettiva a lungo termine riduce il rischio di tumore dell'utero.

L’uso regolare della pillola contraccettiva dimezza il rischio di tumore dell’endometrio, e ha prevenuto almeno 200.000 casi nei paesi ad alto reddito dal 2008 ad oggi. A dichiararlo è uno studio coordinato dall’Università di Oxford pubblicato dalla rivista Lancet Oncology.

Gli esperti hanno studiato per oltre trent’anni la salute di un gruppo di oltre ventisettemila utilizzatrici della pillola anticoncezionale ed hanno così scoperto che una donna che usa per cinque anni questo farmaco, vede diminuire del 25% la probabilità di essere colpita da tumore dell’utero; dopo altri cinque anni il pericolo di essere colpite da questo tipo di cancro è praticamente dimezzato. L’effetto protettivo rimane attivo per almeno trent’anni.

“Studi precedenti avevano riscontrato che la pillola protegge anche contro il tumore all’ovaio – spiega Valerie Beral, l’autrice principale della ricerca –. Le persone hanno paura che la pillola possa causare il cancro, ma nel lungo termine il rischio risulta invece ridotto. C’è un piccolo aumento del rischio di tumori della cervice e del seno, ma è molto limitato e sparisce appena si smette di prendere la pillola.”

Solo in Italia questo tipo di tumore femminile colpisce 8.000 donne l’anno. Se si considerano gli ultimi cinquant’anni, visto che l’uso dei contraccettivi orali è stato introdotto nel 1960, si può ipotizzare che la pillola abbia evitato 400mila casi di cancro all’utero.

L’effetto, spiegano gli autori, si ha sia con le ‘vecchie’ pillole, che si usavano negli anni ’60, che avevano il doppio degli estrogeni, che con le nuove a basso dosaggio.
Naturalmente si raccomanda di controllare la nostra salute con il pap test e la mammografia per quanto riguarda il seno. La prevenzione è sempre la cura migliore.

Di Raffaella Ponzo

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy