Come quello precedente anche questo calendario FAIRY TALES CALENDAR si presenta con una confezione in plexi che fa contemporameamente da contenitore e da appoggio. basta ruotare il suo coperchio a compasso per trasformarlo in un calendario da tavolo.

E’ un calendario nato dalla fantasia di un artista che ha fatto della calzatura e del piede femminile il centro della sua creativita’.

Le scarpe, il piede femminile, la sua grazia e il suo incedere, accompagna tutti i 12 mesi del calendario  realizzato da Manuel Poggi.

Classe 1973, è un artista eclettico che nutre una passione profonda per tutto quel che riguarda il corpo e la figura umana. In particolare per il piede femminile e tutte le possibili divagazioni sull’argomento. Oltre che di illustrazione si inte-ressa di moda, crea accessori, sculture, e gioielli personalizzati.
Attualmente emoziona i suoi ospiti curando personalmente, le due suite di Casa Sauvage a Bordighera dove vive e lavora.
Per la coniglio editore  ha pubblicato nel 2011 feet dream. e’ autore delle illustrazioni del calendario anci 2011  e presso la Gelleria Francese Zanuso terrà nel prossimo giugno la sua prima personale a Milano.

Le illustrazioni-racconto nascono spontaneamente ” a dire il vero l’idea arriva come un fulmine a ciel sereno mentre guardo un film, una vetrina, una fotografia di moda… il tuo segno e’ pulito eppure i tuoi disegni sono ricchi… nei miei lavori il tratto importa meno di quello che racchiude. e’ una scelta precisa. solo un segno pulito invoglia alla lettura delle immagini: crea il giusto equilibrio per mettere le persone nella piacevole situazione di cercare dentro il disegno i dettagli e la narrazione senza rimanere vittima di un gusto  preconcetto. solo così è possibile stabilire un dialogo con chi ha la curiosità di “scoprirlo””

dice Manuel Poggi che enfatizza anche la figura degli omini che animano i suoi capolavori “ sono folletti che in fondo mi somigliamo, in cui mi immedesimo e, a ben guardare, hanno una forza sproporzionata rispetto alle loro dimensioni. il piede femminile invece è l’oggetto del desiderio che supporta tutto il resto della femminilità. la zeppa ad esempio è una torre che occorre scalare, la decolletèe maculata un meraviglioso animale selvaggio che occorre domare… per arrivare a qualcosa che non si sa cosa sia, e difatti non si vede mai… ”

un rapporto complicato tra maschile e femminile?
Oscar Wilde diceva che “l’amore è un reciproco equivoco”. E’ que-sto che rende il gioco della seduzione così speciale.

Categorie: Arte Tag: .

Articolo pubblicato da
in data: