Foto via FB di Gisele Bündchen

La bellezza di Gisele Bündchen? Tutto merito del Comfort Food!

Parla lo chef personale di Gisele Bündchen, Allen Campbell: La bellezza della top model? Tutto merito del Comfort Food!

Se diamo uno sguardo alla coppia più bella e fashion dello spettacolo, quella composta da Tom Brady e della sua meravigliosa compagna Gisele Bündchen, tutto sembra perfetto, la loro bellezza sembra spontanea, naturale, un vero colpo di fortuna.

Ma la realtà è ben diversa e come spesso accade, l’apparenza inganna. Almeno questo è ciò che se ne deduce dall’intervista rilasciata al portale boston.com, dal loro chef personale Allen Campbell, nella quale viene rivelata l’austerità che caratterizza la dieta della coppia.Foto via FB di Gisele Bündchen

Per l’80% la loro dieta è composta da verdure. Divieto assoluto allo zucchero semolato e alla farina bianca. Per loro solo olio di oliva grezzo, ma sempre a crudo, mai per cucinare, per quello solo ed esclusivamente olio di cocco. Ok, non sembrerebbe una vera e propria tragedia… no? Ma aspettate! Non esiste spazio per pomodori, funghi, patate e melanzane. I pomodori sono tutto sommato concessi per una sola volta al mese!

Una delle ultime creazioni dello chef della coppia, consiste nella quinoa con verdure appassite. In particolare Campbell “arricchisce” tutto utilizzando il cavolo o la barbabietola, poi un’aggiunta di aglio saltato nell’olio di cocco, e alcune mandorle tostate con una salsa di anacardi e curry e zenzero. Un piatto che lo stesso Campbell definisce come vero e proprio “Comfort Food”!

Per carità! Tutti identificano il comfort food come una bella porzione di barbabietola appassita! Nulla di più gustoso! Ma che vita è una vita che si priva di un bel piattone di pasta o di una bella pizza? Vogliamo credere che anche Tom e Gisele facciano uno strappo alla regola ogni tanto, non possiamo immaginare queste due autentiche bellezze della natura, affamate e depresse, davanti alle loro verdure cotte nell’olio di cocco che, seppur preparate dalle sapienti mani di un grande chef come Campbell, non riusciranno mai ad ingannare un cervello che tenterà fino all’ultimo, ma invano a far credere alla propria lingua che quel sapore triste è il vero, autentico sapore del comfort food!

Di Raffaella Ponzo

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy