Dolce&Gabbana Abaya

Dolce&Gabbana “Abaya”, la prima collezione musulmana

Dolce&Gabbana lancia Abaya, una collezione dedicata alle donne arabe, tra ricami pizzi e stampe.

La moda è arte, e come ogni settore creativo non conosce alcun limite, sia che si tratti di perimetri sociali, storici o culturali, esattamente come ci mostra Dolce&Gabbana nella sua nuova collezione.

Le novità messe in mostra dagli stilisti italiani vedono protagonisti dei capi particolari riservati alle donne musulmane. Un argomento decisamente delicato che ha sollevato un consistente polverone alle sue spalle, soprattutto per la stampa araba.

Le critiche non si sono fatte attendere, nonostante il messaggio di globalizzazione miri a mantenere alla base il rispetto verso le tradizioni locali. La linea prende il nome di Abaya e punta principalmente ad adornare i capi tipici della società medio-orientale.

Ricami, pizzi, inserti e stampe, sono posti sui principali indumenti come hijab e abaya, ovvero il copricapo che avvolge il volto femminile e la tunica solitamente di colore nero. Il tutto reso glamour grazie alla presenza delle borse iconiche di Dolce&Gabbana e alle texture eleganti come ad esempio il pitonato e la vernice.

Un semplice tocco di personalità per rendere ancora più affascinanti le tradizioni e i simboli culturali dell’oriente per la primavera/estate 2016.

Nancy Malfa

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy