Gucci - Milano Moda Donna - fw 2016/17

Voglia di cambiamento “rizomantico” per Gucci

La sfilata di Gucci celebra lo stile degli anni '70 e'80 ma lo rilegge con un tocco volutamente rinascimentale.

La sfilata di Gucci celebra lo stile degli anni ’70 e’80 ma lo rilegge con un tocco volutamente rinascimentale.
“PARTITURE RIZOMATICHE” questo il nome della sfilata è un inno al cambiamento che deve essere “rizomatico” (G. Deleuze, F. Guattari), capace cioè di proliferare in diverse direzioni. Una citazione importante che enfatizza come il pensiero rizomatico non ha centro, né orientamento. Si sviluppa disordinato. Si nutre di concatenazioni che creano molteplicità attraverso un continuo cambiamento delle zone di espansione.

Il riferimento è al rizoma, tipico sistema radicale delle erbacee che si propaga orizzontalmente nel terreno. Una formazione sulla quale si innestano nodi che, a loro volta, danno origine ad altre diramazioni. Il rizoma infatti procede per variazione, dilatazione, conquista e cattura. Esso si nutre dell’interazione nomadica tra cose diverse.

La collezione donna autunno inverno 2016 2017 dà forma a questo pensiero. Ogni abito mette in gioco regimi di segni molto differenti, li riannoda secondo direzioni multiformi e non gerarchiche. Ciò che viene messo al lavoro è un principio di connessione e di eterogeneità. Una partitura di riferimenti che si mescolano, si modificano e si richiamano secondo correlazioni di senso imprevedibili.

In questa cornice la collezione procede per accumulo di segni che vengono decontestualizzati, connessi e riattivati al di fuori di convenzioni condivise. Ciò che prevale è un gusto per l’ibridazione, per la composizione inaudita, per la vertigine che scaturisce dal superamento del principio di non contraddizione. In questo senso il riassemblaggio rizomatico incendia il cuore di brace che pulsa all’interno di mondi assopiti sotto la cenere. Un modo per scalfire la piatta superficie del già noto e aprirsi alle profondità dell’impensato.

 

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy