Trono di spade

Trono di spade, ecco tutte le curiosità!

Gli episodi inediti sono arrivati in Italia lo scorso 24 aprile e i fan sono già in fibrillazione: Game oh Throne è infatti il più grande fenomeno mediatico dai tempi di Lost!

Finalmente è arrivata la sesta stagione dell’amata serie tv. Per celebrarla, ecco tutte le curiosità che non ti aspetti.
Si è tenuto nei giorni al Chinese Theatre di Hollywood la premiere della sesta stagione della serie tv “Trono di spade”.

Gli episodi inediti sono arrivati in Italia lo scorso 24 aprile e i fan sono già in fibrillazione: Game oh Throne è infatti il più grande fenomeno mediatico dai tempi di Lost!

Siete anche voi fan sfegatati della serie? Bene, allora leggete qua sotto: le sapevate proprio tutte?
Neologismi
Allo show si deve l’invenzione della parola ‘sexposition’, con cui si indica quel momento in cui viene svelato una parte importante della trama davanti a una scena di sesso o nudo gratuiti (e in Game of Trones di nudi ce ne sono stati parecchi!).

Un amore di lupo
Se anche voi avete trattenuto a stento i lucciconi quando Lady, il fedele metalupo di Sansa Stark, è stato ucciso Ned Stark per volere di Cersei, furiosa perché Nymeria, il metalupo di Arya, aveva attaccato suo figlio Joffrey, potete riporre i fazzoletti. Al termine delle riprese l’attrice Sophie Turner che interpreta Sansa ha deciso di adottare il cagnolone che recitava nel ruolo di Lady e l’ha chiamata Zunni. Avere un cane era il suo sogno, e chi meglio di questo poteva diventare il suo amico a quattro zampe?

Pronipote d’arte
Harry Lloyd, che presta il volto all’odioso fratello di Daenerys Targaryen, non è proprio uno qualunque. Spulciando nel suo albero genealogico, infatti, ci si accorge che l’attore britannico discende direttamente da Charles Dickens. Sì, proprio quel Charles Dickens. Lloyd si è persino laureato a Oxford con una tesi sul suo celeberrimo antenato. Come poteva essere diversamente? E, a proposito di parentele, sapevate che Alfie Allen (Theon Greyjoy) è il fratello minore della cantante Lily Allen?

Una sigla d’accezione
La sigla della serie è ispirata a una macchina di Leonardo. Non solo: il title designer Angus Wall ha spiegato anche che “la sigla è stata concepita per rappresentare un mondo all’interno di una sfera, la cui forma è ispirata alle stazioni spaziali della fantascienza anni Sessanta. Gli ingranaggi che sorgono dalla mappa rappresentano i diversi regni e le rispettive famiglie, e sono caratterizzati a seconda della cultura e del paesaggio dominante”. Ecco perché ogni stagione ha la propria sigla: evolve con l’evolversi della serie!

Un cuore goloso
I più deboli di cuore avranno tremato di fronte alla scena in cui Daenerys mangia un cuore di cavallo per Khol Drogo, ma il ribrezzo passerà una volta scoperto che era fatto… della stessa miscela con cui sono prodotti gli orsetti di gomma, le caramelle colorate che tanto piacciono ai bambini. Goloso!

Una lingua fatta ad hoc
Non è da tutti inventarsi una lingua di sana pianta. Per il Trono di spade, però, il linguista David J Peterson è riuscito a inventarsene addirittura due! Il Dothraki è un mix di turco, russo, inuit, swahili e conta circa 3.000 parole, mentre il Valyrian si rifà a latino e gaelico.

Una serie da record
Non solo la serie è una delle più “piratate” in assoluto, m vanta anche altri record, quelli legati alla scelta del nome dei propri figli! Nel 2012 più di 150 neonati sono stati chiamati Khaleesi, mentre negli Stati Uniti, Arya è il nome che si sta diffondendo di più tra le bambine. Avrà preso ispirazione dal Trono di Spade anche la nostra Micol Olivieri nel chiamare così sua figlia?

Che parodie!
Game of Trhones è così amata dal pubblico che le sono state dedicate persino due parodie: una a tinte hard che si intitola “Game of Bones”, e una in chiave adolescenziale dal titolo “School of Thrones”. Esilarante!

Di Raffaella Ponzo

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy