La moda italiana incanta al Velvet Gala 2016 di Dubai. Sulle passerelle stile, colori e tessuti ricchi di fascino e maestria sartoriale.
A Palazzo Versace a Dubai sono stati 6 i designer internazionali, tra cui due Couturier Italiani, a sfilare lo scorso 14 maggio nel corso dell’evento organizzato sotto l’egida della Sheikha Hend Al Qassemi.

Antonio Grimaldi, ambasciatore del Made in Italy, ha colpito nel segno con la sua Haute Couture, creazioni dal fascino etnico ed eteree ispirate alle architetture contemporanee e al mondo orientale.

Colori tenui alternati a nuances intense e cariche, ricami e tessuti preziosi, per abiti da red carpet che non rinunciano alla sperimentazione e trovano nell’utilizzo del laser e dei giochi ottici tridimensionali una leggerezza quasi impalpabile.
Il savoir-fair di Antonio Grimaldi, fatto di profonda conoscenza dei segreti sartoriali più antichi e di grande entusiasmo per la ricerca e la sperimentazione, si traduce in abiti dall’allure cosmopolita che si raccontano con eleganza e raffinatezza.

Uno studio profondo, quello di casa Grimaldi, che guarda al passato ma si proietta al futuro e si materializza in capolavori capaci di conquistare al primo sguardo l’attento osservatore, che rimane rapito dalla precisione dei tagli e dai dettagli studiati nei minimi particolari.

L’evento di Dubai è stato un primo passo di un cammino ricco di progetti, è lo stesso designer a sottolineare che “Da sempre sono affascinato da Dubai, città che frequento da anni e che considero un crocevia internazionale, luogo di incontro e scambio di culture diverse. Sono onorato di aver partecipare ad un evento così prestigioso e ringrazio la Sheikha Hend Al Qassemi per l’invito – dichiara Antonio Grimaldi- E’ stata un’occasione importante per mostrare la mia collezione negli Emirati Arabi, in vista di un progetto di internazionalizzazione del brand all’estero, anche nel pret à porter che presento ormai dal 2012 a Parigi e a Milano”.

 

Categorie: Moda Donna Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: