Sandalo sabot tessuto

I sandali modello sabot tornano a dominare l’estate

Il sandalo sabot è pronto a fare il suo rientro in società. Lo testimoniano Versace, Fendi, Giuseppe Zanotti, Casadei e le Kardashian.

Tra i modelli di scarpe che scompaiono e riappaiono per essere riciclati e rivisitati completamente dal settore glamour, ci sono i sabot. I sandali dall’effetto ciabatta sono considerati tra i pilastri principali della storia della moda.

Dopo anni bui sono pronti a fare il loro ingresso trionfale per l’estate 2016, grazie a svariati stilisti che ne hanno riportato in vita l’essenza e le caratteristiche. Lo sanno bene Kendall+Kylie, due delle sorelle Kardashian alle prese con uno spirito creativo e indipendentista. La loro proposta in blu elettrico rivestita in camoscio, prende il nome di “Essie” con una punta sul dorso del piede e un modello open toe.

Dal tacco meno pronunciato sono i sabot di Jil Sander e Avec Modèration, la prima sfoggia un classico mocassino flat, la seconda una lunga pelliccia bianco panna. La stessa linea viene seguita anche da Alberta Ferretti con forma a punta, dettagli in pelle e stampe ricamate dal tono floreale.

Dal sapore particolare è il modello Fendi. L’idea è quella di non foderare il tallone in modo che la calzatura possa essere indossata sia come un semplice mocassino, sia come un sabot. Dalla forma sofisticata derivano le fasce con tacco a spillo di Giuseppe Zanotti, il tacco quadrato in sughero di Casadei, la femminilità di Versace e il rigato di cotone firmato N°21.

Nancy Malfa

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy