Il profumo del "futuro"

Gli scienziati hanno imbottigliato il profumo di una cometa

Proiettarsi con la mente nello spazio? Un sogno possibile, basta respirare sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko le cartoline impregnate di Eau de 67/P.

Gli scienziati hanno “imbottigliato” il profumo di una cometa, non è esattamente una fragranza di gigli e rose, anzi, il risultato è assai distante dal borotalco o dall’acqua di Colonia!

Già, le comete sono meravigliosi corpi celesti, da sempre appassionano gli uomini e stregano gli amanti delle stelle e del firmamento, tuttavia il loro odore è tutt’altro che celestiale.

Il profumo del “futuro” è stato appena messo a punto dagli scienziati di The Aroma Company, un’azienda britannica specializzata in “tecnologia di marketing degli odori” ed è ispirato all’odore dell’aria che si respira sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, quella su cui due anni fa è atterrato Philae, il lander della missione Rosetta dell’Agenzia spaziale europea.

Se avete sempre sognato di andare sulla Luna, non vi resta che inalare la fragranza delle stelle, ma attenzione, è più vicina a uova merce, urina di gatto e mandorle amare a causa dei gas presenti nella superficie.

A dirla tutta, i presupposti non promettono benissimo, anche perchè l’elenco dei gas identificati includono il solfuro di idrogeno, ammoniaca e acido cianidrico, molti di questi velenosi e quindi  sostituiti con analoghi nella creazione di questa particolare “fragranza” commissionata da Colin Snodgrass della Open University e realizzata da The Aroma Company, la società basata nel Regno Unito che porterà la nuova essenza direttamente alla Summer Science Exhibition 2016 dove i più curiosi potranno annusare cartoline impregnate di Eau de 67/P.

La compagnia sottolinea che il risultato non è così sgradevole come potrebbe sembrare…ma curiosità a parte e voglia di proiettarsi anche per pochi secondi nello spazio, sarà difficile che il profumo verrà realmente indossato per un appuntamento galante.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy