Una "State Dinner" scintillante

Una “State Dinner” made in Italy alla Casa Bianca

Una "State Dinner" scintillante alla Casa Bianca, come le mise di Michelle e Agnese, in abito oro rosa Versace la first lady americana e in pizzo nero quello della moglie del premier italiano.

Una “State Dinner” scintillante alla Casa Bianca, come le mise di Michelle e Agnese, in abito oro rosa Versace la first lady americana in omaggio all’Italia, in argento con bustier in pizzo nero ricamato con cristalli di Ermanno Scervino per la moglie del premier italiano.

Michelle e Barack hanno scelto di omaggiare, nella loro ultima cena di Stato alla Casa Bianca, il Bel Paese con una cena con 375 ospiti curata nei minimi dettagli dallo chef Mario Bartali e allietata dalla musica rock alternativa di Gwen Stefani.

Michelle e Barack Obama

“Non ti preoccupare come siamo vestiti, sono interessati solo agli abiti delle signore”, ha subito scherzato Obama salutando Renzi, in smoking Armani in omaggio ad uno degli speciali ospiti che il presidente del consiglio italiano ha voluto portare con sé per dimostrare l’eccellenza italiana.

Giorgio Armani

Lo stilista ha fatto parte della delegazione chiamata a rappresentare il nostro Paese  in questa importante occasione insieme a Roberto Benigni, accompagnato dalla moglie Nicoletta Braschi in rosso, al premio Oscar italiano Paolo Sorrentino, all’olimpionica Bebe Vio vestita Dior e all’ex campione Gp Mario Andretti.
Il legame forte che unisce Italia e Stati Uniti ha visto la presenza di John Elkann accompagnato dalla moglie Lavinia mentre la visione condivisa da Renzi e Obama verso i migranti ha avuto come simbolo Giusi Nicolini, sindaca di Lampedusa.

Una "State Dinner" scintillante

Il menù della cena? Tutto un omaggio ai sapori italiani: dagli agnolotti di patata dolce, all’insalata di zucca con il pecorino di New York, fino alle braciole con cremolata di rafano e friarielli, il tutto accompagnato da Vermentino e Sangiovese.

 

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy