Interviste: Gabriella Pession parla della fiction “La porta rossa”

Gabriella Pession intervistata da D Repubblica parla della sua ultima fiction, La porta rossa, e della sua vita.

Gabriella Pession torna in televisione e torna a vivere in Italia. L’attrice dopo un periodo trascorso a Dublino insieme al marito irlandese Richard Flood, con il quale ha avuto il figlio Giulio di due anni, è di nuovo in Italia. “Sono innamorata del mio paese e sono ritornata qui per scelta. Certo ci sono tanti aspetti che fanno arrabbiare, soffro per esempio nel vedere il degrado di Roma. Dovremmo avere più senso civico e dovrebbe essere insegnato ai bambini. Ma adoro l’Italia, un luogo costruito sulla cultura e l’arte, elementi essenziali di cui nutrirsi durante la crescita” spiega Gabriella. “Per questo ho scelto di crescere mio figlio qui, voglio che cresca con il gusto del bello”.

Quanto al lavoro l’attrice torna con una ghost story scritta da Carlo Lucarelli che mescola sovrannaturale, thriller e romanticismo. Titolo? La porta rossa di Carmine Elia, in onda su Raidue dal 22 febbraio per sei serate. Al suo fianco Lino Guanciale, nella parte del fantasma che cerca di salvare l’amata Anna (Gabriella Pession) da un imminente pericolo. Il ricordo va subito al famoso Ghost. “In realtà la serie è più cruda, noir e realistica del film con Demi Moore”, dichiara Gabriella Pession.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy