Si apre la Paris Fashion Week ed è subito notizia. La prima casa parigina a far parlare di sé è stata Balmain diretta dall’acclamatissimo e giovanissimo Oliver Rousteing.

La collezione è audace, aggressiva e provocante, ispirata ai Nirvana ed al mondo del Serengeti africano, il giovane direttore creativo ci regala suggestioni provocanti ed ardite con stampe animalier, frange, ricami, pelle di coccodrillo, di mucca, intrecci, decori, ricami ed inserti dorati di ogni tipo. Persino le labbra delle modelle sono laccate d’oro. Un tripudio di dettagli, un lusso selvaggio, una collezione che emana ricchezza, abbondanza e fasto. Il tutto in una palette dalle tonalità brune e calde.

Balmain Paris Fashion Week 2017 mars

Delicatezza, trasparenze e femminilità, totalmente diverso è invece l’universo proposto da Maria Grazia Chiuri in Dior. Gonne fluttuanti, tulle ovunque, silhouette marcate da abitini con bustier e punto vita evidenziato da gonne a ruota, il tutto ricoperto da applicazioni, fantasie a pois, ruches e grandi ricami che sembrano suggerire un mondo magico e fantastico. Ispirandosi alla collezione di Haute Couture 1949, la Chiuri dà vita ad una collezione romantica ma dal carattere più moderno, giovane ed urbano, anche spiritoso. Sfumature di blu e toni neutri predominano sui capi, fino ad arrivare al nero ed al rosso acceso.

Di raffinata eleganza sono stati i 61 look proposti da Valentino con Pierpaolo Piccioli. Una sfilata di molteplici ispirazione, dall’arte rinascimentale, a quella vittoriana ai mobili Memphis degli anni ’80.

Abiti lunghi, cappotti, colli alti e maniche lunghe, una silhouette ad A che nasconde le curve dietro ampi plissé.

Merletti, ruches, ricami e trasparenze non mancano anche stavolta, ci sono anche grafiche di mani e di numeri. Un’eleganza ed una raffinatezza resa più disinvolta ed irriverente grazie a stivali da cavallerizza lisci o allacciati ed ancora, sandali in pelliccia color pastello. La palette colori della collezione tocca le classiche punte di rosa e di rosso Valentino, per passare a tonalità pastello, come il giallo narciso, il pesca, l’azzurro, fino ad arrivare ai toni più scuri.

Lucia Marino

Categorie: Sfilate Donna Tag: , , , , , .

Articolo pubblicato da
in data: