Lozza, il brand di occhiali più antico d’Italia, è tra i protagonisti della Milan Design Week insieme a White in The City.

White in The City è un progetto che coinvolge alcune delle più prestigiose location di Milano: Accademia di Brera, Pinacoteca di Brera, Palazzo Cusani, San Carpoforo, Class Editori Space, Istituto Marangoni, ognuna con una diversa declinazione ed interpretazione, ma legate in un unico itinerario che racconterà il Bianco nelle sue mille sfaccettature cromatiche e simboliche.

In occasione di White in The City, anche lo Zilo si veste di bianco e mostra la sua anima più sofisticata, minimalista ed elegante grazie alla sua montatura semplice e lineare, e alle lenti azzurre fumè in contrasto. Il primo modello di Zilo è stato ideato negli anni ’30 con una combinazione decisamente innovativa per quei tempi, che vede due materiali ancora inediti fondersi perfettamente: la celluloide e il metallo.

Confermatosi negli anni come uno tra gli occhiali ‘icona’ di Lozza, Zilo è tuttora l’unico con un’anima in metallo, sia sul frontale che sulle aste, interamente ricoperta di acetato. Una scelta studiata per regalare stabilità e resistenza, pur possedendo spessori minimi.

Il modello Zilo ha fatto la storia del costume in Italia: milioni i pezzi venduti nel secondo dopoguerra e persino un Oscar della Moda negli anni Sessanta.
Ma è negli Settanta che esplode il fenomeno Zilo, e Lozza diventa sinonimo di tendenza, marca dalla quale non si può prescindere. Le linee proposte da Lozza sono da sempre classiche e raffinate, caratterizzate da un’ispirazione vintage che, pur nella novità, ha un forte potere evocativo. Zilo ne è la testimonianza: da oltre ottant’anni non smette mai di essere una vera icona di stile ed eleganza italiana in gran parte del mondo.

Categorie: Occhiali.

Articolo pubblicato da
in data: