La sfilata di Gucci

Stop alle pellicce dalla PE 2018: anche Gucci diventa Fur Free

Dopo Calvin Klein, Ralph Lauren, Tommy Hilfiger e Armani, che si definiscono "fur free", ora è il turno di Gucci. Bandite le pellicce dagli abiti e dagli accessori della maison fiorentina.

Dopo Calvin Klein, Ralph Lauren, Tommy Hilfiger e Armani, che si definiscono “fur free”, ora è il turno di Gucci.
L’annuncio di Marco Bizzarri, presidente e Ad di Gucci, è arrivato a sorpresa da Londra ed ha fatto in brevissimo tempo il giro del mondo.
Bizzarri è stato diretto è chiaro, le pellicce non sono più “di moda”, occorre «Essere socialmente responsabili è uno dei nostri valori fondamentali».

Una svolta epocale annunciata durante il Kering Talk 2017 al London College of Fashion,  che prevede di non utilizzare mai più pellicce animali negli abiti e negli accessori firmati dalla maison fiorentina a partire dalla collezione PE 2018.

Una scelta, quella di Gucci, nata dal risultato di un rapporto di lunga durata con due associazioni che da anni lottano per l’addio alle pellicce animali: l’italiana Lav e la statunitense Hsus.
Non resta che sperare che altri brand si uniscano a questo coro!

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy