Per l’autunno inverno 2018-19, MSGM scrive un’elettrizzante lettera d’amore a Milano: la passione, il potere, la notte.

Cercate per le strade della città, vere ragazze scelgono il glamour del nero lucido, del rosa confetto, del rosso Campari, del blu pavone, con una spruzzata di lime.

Completi vernice, jeans hi-rise, ed ecopitone a tinte tenui.
 Fotografia di una città che cambia, nella società e nella moda: 1998 vs 2018. Nelle stampe, monumenti classici vs il nuovo skyline. Dal minimalismo all’irriverenza, dall’essenzialità alla contaminazione, dalla crisi degli anni incerti a una Milano che guarda avanti con prospettive sempre nuove.

Ma chi è Alessandro? Manzoni, ovviamente.

Il ritratto e le prose dello scrittore adornano stampe e pattern, mentre i nostri ritrovi milanesi preferiti – bar Basso, Pasticceria Cucchi, Jamaica, e Pravda vodka bar – sono immortalati su sciarpe football e maglioni grafici in jacquard. Su camice in crepe, manifesti futuristi, catene deco, animalier e neon, formano una cacofonia vorticosa di stampe: camicie in raso cromato si abbinano a gonne plissé o a pantaloni straight leg. Cappotti floreali imbottiti, satin trapuntato e gilet con pieghe creano volumi sofisticati con tessuti sportivi.

Le mini M-bag sono abbinate a shopper in pelle lucida.

Il ‘lock sandal’, cult di Diego Dolcini, è re-interpretato per MSGM anche in versione cuissard e ankle boot. Carattere e sfrontatezza nei traktor.

Una collezione contemporanea che affonda le sue radici su temi e ispirazioni che arrivano dal passato. Un tributo “mix and match” a Milano, capitale incontrastata della moda italiana. D

i FRANCO LORENZON

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da
in data: