L'estate 2021 di Max Mara - Sfilate Milano Fashion Week

L’alchimia moderna di Max Mara, funzionale e lussuosa

L’alchimia moderna di Max Mara, funzionale e lussuosa allo stesso tempo. Il nuovo Rinascimento genera nuove silhouettes: corte ed eleganti, lunghe e ampie.

Il cambiamento chiama e Max Mara risponde, ancora una volta con savoir fair, e propone una collezione che pensa alle sfide di ogni giorno, da vivere con idee e stile.
L’estate 2021 di Max Mara è un invito alla rinascita, ad una nuova Era, o meglio, ad un nuovo Rinascimento.

Rinnovamento e ricostruzione diventano il fil rouge di una una sfilata che porta sulla passerella sartorialità pura e precisione dei tagli.
Come le eroine indomabili del Rinascimento, le donne Max Mara stanno, in ogni campo, ricostruendo il mondo – meglio di com’era prima.
Cosa serve per questo compito? Creatività, fiducia, estro, magia e conoscenza.

L’installazione multimediale

Corin Sworn è stata la vincitrice dell’edizione 2013-15 del Max Mara Art Prize for Women. La sua installazione multimediale “Silent Sticks” è ispirata alla Commedia dell’Arte del Rinascimento italiano, con i suoi ricorrenti temi di identità e ambiguità di genere, intrighi, tragedia, commedia, desiderio e magia. Max Mara interpreta
la grafica e l’estetica elementare dei costumi della Sworn per una vera e propria rivisitazione del paggio.

Il mantello rinascimentale e il più moderno parka si incontrano con tasche funzionali, bottoni automatici e lacci.
Cuciture a contrasto e patch applicate damascate rievocano gli intrecci dorati di una camera ducale mantovana.

I colori

La palette pittorica armonizza l’ocra, la terra d’ombra, la terra di siena, il nero e il bianco a tocchi di colori delicati come i toni pastello tipici degli affreschi umbri.

Nuove vestibilità

Il nuovo Rinascimento genera anche nuove silhouettes: corte ed eleganti, lunghe e ampie.

Le maniche sono svasate o indossate come cappe. Le scollature sono arricciate o dritte come un ritratto cinquecentesco.

Un tuffo nel passato

Max Mara è stata fondata in un altro periodo di rinascita. Nel periodo del boom della moda del dopoguerra l’Italia ha reinventato i classici con maestria artigianale e uno sguardo attento al design. Max Mara ha sempre creduto nel concetto di “Bella figura” che riassume l’importanza di presentarsi al meglio.

Quel credo non è mai sembrato più valido di ora. E quindi, come ci si veste per ricostruire il mondo e fare “bella figura”? Con un morbidissimo spolverino in cashmere, un tailleur perfettamente costruito, un trench minuziosamente curato, una impeccabile camicia abbinata a pantaloni pleated; una grande “Ippolita” bag e occhiali oversize.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…

Habito,la nuova signature collection di Weekend Max Mara per la FW22

Weekend Max Mara presenta Habito

Habito’ in Spagnolo ha il duplice significato di ‘abitudine’ e di ‘abitare’. Il mio lavoro consiste nel ricercare ogni giorno il modo in cui possiamo abitare uno spazio o vivere un’esperienza, sotto molteplici aspetti. Quindi, perché no, anche gli abiti possono far parte di questa ricerca.