L'estate 2021 di Max Mara - Sfilate Milano Fashion Week

L’alchimia moderna di Max Mara, funzionale e lussuosa

L’alchimia moderna di Max Mara, funzionale e lussuosa allo stesso tempo. Il nuovo Rinascimento genera nuove silhouettes: corte ed eleganti, lunghe e ampie.

Il cambiamento chiama e Max Mara risponde, ancora una volta con savoir fair, e propone una collezione che pensa alle sfide di ogni giorno, da vivere con idee e stile.
L’estate 2021 di Max Mara è un invito alla rinascita, ad una nuova Era, o meglio, ad un nuovo Rinascimento.

Rinnovamento e ricostruzione diventano il fil rouge di una una sfilata che porta sulla passerella sartorialità pura e precisione dei tagli.
Come le eroine indomabili del Rinascimento, le donne Max Mara stanno, in ogni campo, ricostruendo il mondo – meglio di com’era prima.
Cosa serve per questo compito? Creatività, fiducia, estro, magia e conoscenza.

L’installazione multimediale

Corin Sworn è stata la vincitrice dell’edizione 2013-15 del Max Mara Art Prize for Women. La sua installazione multimediale “Silent Sticks” è ispirata alla Commedia dell’Arte del Rinascimento italiano, con i suoi ricorrenti temi di identità e ambiguità di genere, intrighi, tragedia, commedia, desiderio e magia. Max Mara interpreta
la grafica e l’estetica elementare dei costumi della Sworn per una vera e propria rivisitazione del paggio.

Il mantello rinascimentale e il più moderno parka si incontrano con tasche funzionali, bottoni automatici e lacci.
Cuciture a contrasto e patch applicate damascate rievocano gli intrecci dorati di una camera ducale mantovana.

I colori

La palette pittorica armonizza l’ocra, la terra d’ombra, la terra di siena, il nero e il bianco a tocchi di colori delicati come i toni pastello tipici degli affreschi umbri.

Nuove vestibilità

Il nuovo Rinascimento genera anche nuove silhouettes: corte ed eleganti, lunghe e ampie.

Le maniche sono svasate o indossate come cappe. Le scollature sono arricciate o dritte come un ritratto cinquecentesco.

Un tuffo nel passato

Max Mara è stata fondata in un altro periodo di rinascita. Nel periodo del boom della moda del dopoguerra l’Italia ha reinventato i classici con maestria artigianale e uno sguardo attento al design. Max Mara ha sempre creduto nel concetto di “Bella figura” che riassume l’importanza di presentarsi al meglio.

Quel credo non è mai sembrato più valido di ora. E quindi, come ci si veste per ricostruire il mondo e fare “bella figura”? Con un morbidissimo spolverino in cashmere, un tailleur perfettamente costruito, un trench minuziosamente curato, una impeccabile camicia abbinata a pantaloni pleated; una grande “Ippolita” bag e occhiali oversize.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy