@courtesy Nicolò Brigante

Nicolò Brigante si racconta su Sfilate.it

Nicolò Brigante si racconta su Sfilate.it , mettiti comodo e conoscilo meglio insieme a noi!

Il sogno di fare il calciatore, grande impegno nel lavoro e poi, quasi per gioco, la partecipazioni a Uomini e Donne, un programma che gli ha cambiaito la vita.
Nicolò Brigante dalla sua infanzia in Sicilia di strada ne ha fatta tanta, diventando un imprenditore attivo in più settori.
Da 1 anno ha aperto un centro sportivo di Padel e vorrebbe aprirne altri.

Iper-attivo, investe anche nelle crypto e nel settore degli orologi.
Conosciamolo attraverso le sue parole.

Dove hai trascorso la tua infanzia e che periodo è stato?
La mia infanzia l’ho trascorsa in Sicilia, sono originario di Scordia un paese in provincia di Catania. Non ho mai avuto grossi problemi e la ricordo in modo felice, anche perché ho sempre avuto una famiglia unita. Ho impresso solo bei momenti!

Quali erano i tuoi sogni e le tue passioni da bambino?
Fin da piccolo sognavo di giocare a calcio e diventare un calciatore professionista, poi crescendo ho capito che volevo fare l’imprenditore.
Purtroppo la carriera calcistica l’ho dovuta interrompere a causa di un infortunio.

Come hai vissuto il fatto di dover smettere di giocare a calcio a causa di un infortunio e quindi abbandonare il tuo sogno?
All’inizio l’ho vissuta male, soprattutto i primi mesi, poi mi sono rassegnato e mi sono dato nuovi obbiettivi nella vita e ora sto cercando di raggiungerli tutti.

Che lavori hai fatto prima di essere conosciuto al grande pubblico?
Una volta finiti gli studi ho lavorato per l’azienda di famiglia, che si occupa di rifornire supermercati

Ti piaceva questo lavoro?
No, non mi è mai particolarmente piaciuto ma l’ho sempre fatto perché era della mia famiglia. In realtà quello che volevo era di realizzarmi da solo, ed è quello che sto provando a fare tutt’oggi


@courtesy Nicolò Brigante

Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Mi ha fatto crescere molto, mi ha dato delle responsabilità e mi ha aiutato molto anche nell’ affrontare le mie esperienze successive

Come è nata l’occasione di fare Uomini e Donne?
Mi ero lasciato dopo una relazione abbastanza lunga e quindi ero alla ricerca di nuove esperienze. Mi ricordo che un giorno ero a casa con mia sorella e altri miei amici e,per gioco, hanno deciso di mandare la richiesta di partecipazione a mio nome. Visto che loro stavano cercando un nuovo tronista, nel giro di 15 giorni mi hanno chiamato.

Ma tu te lo aspettavi o è stato totalmente casuale?
È stato totalmente casuale e non avevo assolutamente nessunissima pretesa o ambizione di partecipare

Com’è stata come esperienza?
È stata un’esperienza tanto ma veramente tanto forte, sotto molti punti di vista. Anche perché io non venivo da questo mondo e quindi non conoscevo nulla di quello che sarebbe successo. La reputo un’esperienza positiva ma allo stesso tempo per un ragazzo di 21 anni fare un programma del genere non è per niente facile. Mi ricordo che ai tempi anche Maria De Filippi me lo disse prima di decidere.
È indubbiamente una decisione che ti cambia la vita perché hai una esposizione mediatica davvero enorme e questo ti causa veramente molto stress. Il fatto di parlare davanti a milioni di persone personalmente è stato molto complicato e mi ha creato forte stress

Quindi tu da un punto di vista emotivo non sei riuscito a godertela al meglio?
No, l’ho vissuta davvero male. Prima di andare in onda avevo un sacco di ansia.
Inizialmente soprattutto non sono riuscito a godermela al massimo. Diciamo che non l’ho vissuta come volevo. Oggi col senno di poi me la sarei vissuta più serenamente


@courtesy Nicolò Brigante

Qual è stato il feedback delle persone che hai ricevuto una volta uscito dalla trasmissione?
Penso che sotto questo punto di vista non ho alcun rimorso perché è uscita la parte di me più umile e più veritiera. Invece credo che non si sia visto il lato più simpatico che c’è in me, proprio a causa dello stress di cui ti parlavo prima

Se dovessi descriverti caratterialmente come lo faresti?
Mi reputo una persona solare, intraprendente e determinato.

Come ti è cambiata la vita dopo Uomini e Donne?
Ci sono tantissimi lati positivi di questa esperienza: mi si sono aperte molte strade, ho avuto molte cose più facilmente una volta uscito dal programma.

Come mai non hai accettato di partecipare a Temptation Island Vip?
Mi era stato proposto però dopo Uomini e Donne, mi ero posto altri obbiettivi e poi in quel periodo non era una cosa che mi interessava fare

Ora cosa stai facendo?
Ho aperto da 1 anno un centro sportivo di Padel e vorrei aprire nuovi centri, investo in crypto e sono attivo nel settore orologi.

Come mai pensi che il Padel stia spopolando così tanto?
Il Padel è uno sport molto divertente ed è iniziato a diventare così conosciuto in Italia soprattutto durante la quarantena, anche perché era una delle poche attività che si potevano fare una volta riaperti i centri. Credo che il Padel sia uno sport più facile del tennis, sia da un punto di vista tecnico che fisico, quindi persone di tutte le età si sono approcciate a questo sport. Sono sicuro che sarà il futuro! Basti pensare che in Spagna in questi ultimi anni il Padel sta superando il calcio.


@courtesy Nicolò Brigante

Ti piace viaggiare? Posto del cuore?
Amo l’Italia però da un punto di vista lavorativo non valorizza i giovani. Quindi se sei un ragazzo e vuoi costruirti un futuro è difficile farlo qui. Credo che mancano le basi in Italia, ossia l’istruzione e questo non permette il progredire di questa nazione. Penso invece che Dubai sia una meta che mi piacerebbe molto.
Ti dico la verità io sono veramente affezionato alla mia terra e la amo moltissimo quindi nonostante quello che ti ho detto prima non so ancora se in futuro me ne andrò.

Come ti vedi tra 10 anni?
Sicuramente con una famiglia e dei figli,spero di essere felice e continuare a fare questo lavoro che mi soddisfa molto

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy