accessory occhiali luxottica

Luxottica: la storica creazione del giovane Leonardo Del Vecchio

EssilorLuxottica, produttrice di strumenti per la vista più grande al mondo, con la morte di Leonardo del Vecchio, ha perso una figura chiave.

Nata Luxottica, oggi multinazionale EssilorLuxottica, l’azienda produttrice di strumenti per la vista più grande al mondo ha, con la morte di Leonardo del Vecchio, perso una figura chiave a guidare il suo sguardo sull’orizzonte. Tuttavia, le fondamenta sono più che solide.

Suoi, infatti, tra gli altri, i marchi delle montature di occhiali da vista e da sole Ray-Ban, Persol, Vogue Eyewear, Oakley e, in licenza, Armani, Prada, Gianni Versace, Ferrari, Dolce&Gabbana, Bulgari, Chanel.

Ma chi era Leonardo Del Vecchio?

Leonardo Del Vecchio

Il 27 giugno 2022 è venuto a mancare il secondo uomo più ricco d’Italia e il cinquantaduesimo al mondo. Forse poco noto al grande pubblico, Leonardo Del Vecchio era una persona riservata, dedita alla sua famiglia (tre mogli e sei figli) e alla sua azienda, e lontana dai riflettori e dalla politica.

Partito come produttore di parti di occhiali per conto terzi, la sua Luxottica si è fusa poi con la francese Essilor. Quest’ultimo è tra i principali gruppi nella progettazione, produzione e commercializzazione di lenti oftalmiche, apparecchiature ottiche e occhiali da vista e da sole, grazie al retailer internazionale GrandVision che è parte del gruppo e presente in più di 40 Paesi.

Verso Luxottica

Originaria di Barletta, la famiglia dovette emigrare verso Nord in cerca di lavoro. Leonardo Del Vecchio era l’ultimo di quattro figli e la madre fu costretta ad affidarlo a un orfanotrofio milanese. A 15 anni lavorò come garzone presso un’industria di medaglie e coppe, i cui proprietari lo spinsero a studiare design e incisione al serale dell’Accademia di Brera.

Nel 1958 aprì una sua bottega di parti di occhiali per conto terzi ad Agordo.

Dopo soli tre anni, nel 1961 quando Del Vecchio aveva 34 anni, la bottega diventò Luxottica s.a.s, con 14 dipendenti. Nel 1967, pur continuando la produzione di minuteria per occhiali, iniziò la prima produzione di occhiali in proprio e la commercializzazione col marchio Luxottica.

Quotazione in borsa e fusione

Nel 1971 l’azienda abbandona la produzione per l’esterno e nel 1981 approda sul mercato statunitense, arrivando nel ’90 alla quotazione nella Borsa di New York.

Il 2000 è la volta della Borsa di Milano. Già dal 1995 Luxottica è prima produttrice e distributrice mondiale nel campo visivo.

Nel 2018, dopo l’annuncio del 2017 e il via libera dell’Antitrust, Luxottica si fonde con la casa produttrice francese Essilor, concentrata sulla ricerca e sviluppo di lenti oftalmiche e con 3 centri di innovazione e tecnologia.

Prospettive future

Nel 2021 Leonardo Del Vecchio ha abbandonato le cariche operative per restare presidente non esecutivo e Francesco Milleri è divenuto amministratore delegato.

Tuttavia, notizia solo dell’estate scorsa è stata il suo incontro con Mark Zuckerberg, colosso di Facebook, che ha visto le due menti lavorare agli smart glasses firmati Ray-Ban, con i quali produrre e gestire foto, musica e telefonate.

Il 27 giugno l’ottantasettenne Leonardo Del Vecchio si è spento a Milano. Ora riposa nella cittadina di Agordo, che lo ha visto muovere i primi passi nell’arte di precisione delle montature. Non a caso nella zona bellunese questa è proprio detta “distretto dell’eccellenza ottica italiana”.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy