SFILATE

Whisley Irlandese

Whiskey irlandese: una coccola in inverno

Jameson Black Barrel, uno dei whiskey irlandesi più caratteristici e peculiari. Un regalo perfetto da fare o da farsi per le feste.

Il whiskey irlandese in inverno è una vera e propria coccola magica. Berlo è un po’ come tornare indietro nel tempo, al sicuro e al caldo, davanti al fuoco di un grande camino, sprofondati su una bella poltrona in pelle marrone e circondati dalla famiglia o dagli amici, mentre si è intenti a raccontare storie e aneddoti.

Per vivere queste meravigliose sensazioni una delle migliori scelte da fare è di certo Jameson Black Barrel, uno dei whiskey irlandesi più caratteristici e peculiari. Averne uno di scorta in casa è come avere sempre la possibilità di godersi un momento di gioia e tranquillità: il whiskey irlandese è il distillato che più di tutti è in grado di accompagnarci e darci queste sensazioni, specialmente d’inverno, quando la luce e il tepore del camino sono uno dei modi migliori per lasciare problemi e cattivi pensieri fuori dall’uscio di casa.

Whiskey irlandese: morbido e complesso

La ricchezza e complessità del whiskey irlandese sono la risorsa ideale nel momento in cui si vogliono invitare gli amici al caldo durante l’inverno, in una situazione in cui magari si preferisce non uscire all’aperto: una ricchezza che riscalda e che facilita la creazione di un’atmosfera piacevole all’interno delle mura di casa.

Il whiskey irlandese è caratterizzato da note delicate al palato, con sfumature fruttate; oggetto di un complesso e laborioso processo di produzione, è perfetto per accompagnare i momenti più belli di convivialità con le persone care, con tutta la delicatezza di cui è capace.

Whisley Irlandese
@Adobestock

Jameson Black Barrel

Nel dettaglio, il liquido di Jameson Black Barrel viene invecchiato in botti ex bourbon che vengono nuovamente carbonizzate: dunque tali botti sono due volte carbonizzate. Quest’ultimo termine non è casuale ma deriva proprio dagli antichi processi di lavorazione del whiskey. In passato le botti inutilizzate venivano lasciate all’aperto, sottoposte a vento e intemperie, quando queste ultime dovevano essere usate e impiegate nei processi produttivi, i Bottai, per asciugarle e ripulirle, le sottoponevano a piccoli processi di bruciatura e ancora oggi è così. Jameson Black Barrel meglio di tutti rappresenta l’essenza di questo processo, un procedimento che riesce a conferire una grandissima ricchezza di sapori a questo whiskey irlandese che, grazie a un processo di invecchiamento che dura almeno cinque anni, riesce a ottenere e conservare dei sapori e aromi inconfondibili e persistenti.

Whisley Irlandese
@Adobestock

Il processo produttivo del whiskey irlandese

Il whiskey irlandese inizia il suo ciclo di vita con la scelta minuziosa di un selezionatissimo mix di cereali. Questi ultimi vengono tritati sottilmente e macinati; in seguito al composto vengono aggiunti lieviti e acqua per dare il via al vero e proprio processo di fermentazione.

Al suo completamento il composto viene distillato attraverso un procedimento di riscaldamento che permette all’alcool di evaporare separandosi dall’acqua; successivamente, con l’aiuto di un tubicino il vapore si raffredda per tornare liquido e completare la prima fase della distillazione. Il whiskey viene distillato tre volte e infine versato all’interno di grandi botti, per poi essere lasciato invecchiare per almeno tre anni.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…