imparare inglese moda

Se fashion vuoi apparire con l’inglese devi progredire

La moda è da sempre un settore in cui noi italiani non siamo mai stati secondi a nessuno, però da sempre questo mondo è stato popolato di termini stranieri.

Lo sappiamo benissimo, la moda è da sempre un settore in cui noi italiani non siamo mai stati secondi a nessuno, figuriamoci agli inglesi! La verità, però, è che da sempre questo mondo è stato popolato di termini stranieri. Non si storca il naso: nessuno vuole affermare che l’italiano non sia una lingua musicale, meravigliosa e piena di sfumature (proprio come la moda stessa), ma quello di cui ci troviamo a parlare è un settore sempre più universale, fatto di parole che devono essere riconosciute in tutto il mondo e che devono mantenere, allo stesso tempo, un certo carico dinecessario fascino.

Gli esotismi nel mondo della moda

Come ogni settore che si rispetti, anche quello della moda è da sempre stato contraddistinto dall’utilizzo di una lingua speciale fatta di tecnicismi e termini specifici, che permettono a coloro che fanno parte di questo mondo di identificare chiaramente ciò di cui si sta parlando. Il linguaggio della moda, però, è da sempre riuscito ad andare oltre a questi limiti, imponendosi anche all’interno delle riviste che leggiamo e delle trasmissioni che guardiamo tutti i giorni: in poche parole, è riuscito a diventare da subito universale. Proprio per questo, nel nostro paese come all’estero, il linguaggio del fashion è da sempre stato ricco di esotismi: cosa c’è di meglio infatti di una bella parola straniera, con il suo fascino e il suo suono a volte quasi incomprensibile, per rendere una novità del mercato ancora più suadente e affascinante alle nostre orecchie? Sebbene infatti esistano parole italiane in grado di tradurre senza alcuna perdita di significato quelle straniere (si pensi proprio al caso dell’iconico fashion) queste non saranno mai in grado di attirare l’attenzione e la curiosità di chi le ascolta come una parola francese o ormai, ancora meglio, inglese. D’altronde, voi comprereste mai un abito a basso costo? Molto meglio un bel low cost!

Vuoi essere trendy o glamour? Glam!

Ebbene sì, perché ormai pare davvero un dato di fatto: a partire dagli anni 2000 l’inglese ha cominciato a imporsi definitivamente sul francese facendolo diventare, inevitabilmente, demodé. E se alcuni termini francesi continuano imperterriti a resistere e a imporre la loro presenza in questo mondo  proprio per il loro essere fortemente radicati nel nostro immaginario (boutique, atelier e l’immancabile avant-garde tra i tanti) oramai se ci si vuole avvicinare al mondo della moda il vostro stile dovrà essere quanto più possibile evocativo, ovvero trendy e cool. Si tratta di un processo che da lungo tempo attraversa questo settore, ma che ha visto negli ultimi anni una vera e propria esplosione a causa del progressivo indebolimento del modello culturale francese. Se quindi inizialmente questa tendenza aveva cominciato a imporsi in quanto proprio l’inglese permetteva, con le sue facili costruzioni, di sostituire lunghe perifrasi con poche semplici parole (come nel caso di fashion victim o fashion week, ormai diventati parte della nostra quotidianità) ormai il fascino di questa lingua ha coinvolto ogni aspetto di questo mondo. E mentre al francese rimangono per lo più tecnicismi, chi non parla inglese ora è destinato a essere inevitabilmente out.

Le parole di cui non potrai più fare a meno

Lo abbiamo detto, tutte le riviste non fanno che ricordarcelo: l’inglese è oramai LA lingua della moda. Se quindi sei un giornalista o vuoi comunque cominciare davvero a entrare a far parte di questo fantastico mondo, la conoscenza di questa lingua ti è ormai assolutamente indispensabile per arrivare a parlare direttamente al tuo target. Cominciando quindi da subito ad ampliare il tuo dizionario di inglese aiutandoti anche sfruttando applicazioni come Babbel, non possiamo che concludere fornendoti qualche termine che dovrai assolutamente conoscere per riuscire a importi all’interno di questo settore:

  • Affordable: un termine che tutte coloro che non possono permettersi una carta di credito illimitata dovrebbero conoscere, e non solo loro. Si riferisce infatti a un tipo di moda accessibile a tutti, amore e odio di questo settore da ormai diverso tempo.
  • Athleisure: uno dei trend sicuramente più importanti di questi ultimi anni, che si riferisce alla tendenza di indossare abiti che in genere vediamo legati al mondo della palestra (come felpe e leggins di tutti i tipi) anche in occasioni eleganti e formali. Stiamo parlando, in questo caso, di una vera e propria riscrittura dell’abbigliamento sportivo che ha dato luogo a tendenze come quella dell’abbigliamento in stile sporty chic.
  • Capsule Collection: una collezione particolare pensata per fornire al proprio pubblico una serie di capi basic da poter abbinare da loro in numerose combinazioni, in modo da poter fornire quante più opzioni possibile. Potremmo definirla come una sorta di “collezione nella collezione”.
  • Costum Made: il termine per eccellenza per tutti coloro che amano l’unicità. Questo perché questa parola significa “fatto su misura, personalizzato” e indica quindi tutti quei capi e accessori che espongono almeno un dettaglio che parli esclusivamente di voi. D’altronde, sono sempre di più i grandi marchi che propongono all’interno dei propri atelier la possibilità di personalizzare i propri acquisti.
  • Pop-Up shop: si tratta di punti vendita temporanei, che possono durare pochi giorni o anche intere settimane, utilizzati dal brand per promuovere una nuova collezione o un particolare evento.

Se quindi anche voi avete intenzione di cominciare a masticare davvero la lingua della moda, è arrivato il momento di praticare il vostro itanglese!

NATIVE CONTENT

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy