La campagna a/i 20 di Missoni

Sfilate: una cartolina ricca di emozioni per Missoni

Missoni rompe gli schemi e, in apertura della Milano Fashion Week, Missoni svela un video con la nuova adv e spiega lo spostamento nel calendario delle presentazioni.

A Milano Moda Donna si avverte in ogni respiro l’aria di cambiamento.

C’è chi si interroga sul futuro, chi guarda al passato con nostalgia e chi, come Angela Missoni, affronta questo momento storico unico per la moda e per il mondo, con spirito propositivo, traendo la forza dalla sua terra, ricca di ricordi di famiglia.

Con la trasformazione delle sfilate da eventi destinati al trade a spettacoli trasmessi per una audience globale, Angela Missoni rompe gli
schemi e scommette su qualcosa di nuovo, abbraccia un cambiamento più in sintonia con le dinamiche reali di comunicazioni e vendita.

L’idea è di mantenere le stagioni di vendita ai retailer così come sono.

Nello stesso momento, le collezioni verranno mostrate privatamente ai media periodici. Successivamente, più vicino alle stagioni effettive, verranno costruiti progetti speciali – una sfilata, un video, una azione – in modo che ciò che viene comunicato sia ciò che i clienti possono effettivamente trovare in negozio.

La campagna a/i 20 di Missoni

La campagna a/i 20 è l’inizio di questo nuovo modo di operare.

E così, in apertura della Milano Fashion Week, Missoni svela un video nel quale Angela Missoni spiega il progetto della nuova campagna pubblicitaria e il pensiero più ampio dietro un significativo spostamento nel calendario delle presentazioni.

Missoni, infatti, non presenta la collezione p/e 21 – che viene peró venduta ai buyer – ma un progetto di comunicazione sulla collezione a/i 20/21, di fatto adottando una modalità in season.

Ecco allora che sotto la direzione creativa di Angela Missoni, il fotografo Oliver Hadlee Pearch realizza delle vere e proprie cartoline, che si sviluppano attorno a scenari molto familiari per Missoni: Varese, il Sacro Monte.

Tutti luoghi che stanno a cuore ad Angela perché di fatto questo è la terra da cui proviene lei come Missoni, e dove ha vissuto tutta la sua vita; questi sono i panorami che vede ogni giorno e i colori che la ispirano, stagione dopo stagione, come hanno ispirato i suoi genitori.

Un tributo all’Italia

In ogni scatto c’è una sensazione di familiarità e un amore per i bei paesaggi in tutto il progetto che è la quintessenza di Missoni.

Con questa campagna, la prima di una serie che mira a ridisegnare il Grand Tour alla maniera di Missoni, Angela Missoni manda una lettera d’amore non solo ai suoi immediati dintorni, ma a tutta l’Italia.

Anche i modelli protagonisti nelle foto, Vittoria Ceretti ed Edoardo Sebastianelli, sono italiani.

È un messaggio di autentica speranza e ottimismo, un modo per ripartire riconoscendo l’immensa ricchezza di bellezze, sia naturali che artistiche, che caratterizza il Bel Paese.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy