Durante l’estate, a causa del caldo, lasciamo ampie zone di pelle scoperta. Così facendo però, la esponiamo ad alcuni rischi, quali le punture di insetti, oppure piccoli infortuni, come graffi o tagli. Conoscere i rimedi di primo soccorso per ognuna di queste evenienze è importante perché spesso sono proprio le prime manovre a fare la differenza,
Ma cosa fare se ci punge una zanzara?
Se il fastidio ci fa stare male, applichiamo per pochi secondi alla volta, un cubetto di ghiaccio avvolto in un fazzoletto, sulla puntura. Il ghiaccio elimina la sensazione di prurito e, se il “malcapitato” riesce a resistere per dieci minuti senza grattarsi, la puntura può anche sparire senza dare altri problemi.
Ma se le punture non passano, si può stendere una crema antinfiammatoria. Però, mi raccomando, mai grattarsi.
Con le unghie infatti, non solo possiamo graffiare la pelle, ma ance contaminarci con i batteri depositati nello sporco.
Se a pungerci invece è stata una vespa, come prima cosa bisogna controllare che non ci sia il pungiglione, altrimenti va eliminato per non rischiare una infezione.
Poi la pelle va raschiata, provate con uno stecco di gelato, il legno è attimo per non rovinare l’epidermide.
Anche in questo caso il ghiaccio è utilissimo, riduce il gonfiore e anestetizza la ferita.
Insomma, l’estate non ci fa paura, gli insetti li combattiamo con il ghoaccio.

Di Raffaella Ponzo

Categorie: Benessere donna Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: