SFILATE

Cerca
Close this search box.

Nomi maschili particolari ed originali per bambini

Nomi maschili particolari, originali, stranieri e tradizionali, se siete in cerca di idee, i top più scelti in Italia per il proprio bimbo.

Quali sono i nomi maschili particolari e originali più gettonati? Quando si parla di nomi per bambini ci si apre un mondo davanti, dove si spazia dai nomi italiani ai nomi stranieri, passando per nomi classici, nomi antichi, nomi rari e ovviamente anche nomi stravaganti (conoscete anche voi dei bambini col nome di un ponte o di un pianeta?).

Queste sono spesso le domande che ci si fa quando si è in attesa di un bambino, e subito dopo parte il toto-nome che coinvolge genitori, amici e parenti. Ecco le tendenze per il 2020.

Durante la gravidanza l’attesa del nascituro riserva sempre tante indecisioni riguardanti il nome. C’è chi azzarda, dando libero sfogo alla fantasia, lanciandosi in tradizioni straniere, culture particolari o addirittura richiamando vecchie icone di epoche passate o personaggi di libri e telefilm, ma anche chi va sul classico, magari dando al figlio il nome del nonno, del padre o di un parente al quale si è molto legati, e per chi è molto religioso, c’è anche la possibilità di dare un nome che rispecchi il santo del giorno (se applicabile).

Su Amazon, inoltre, trovi “Il libro completo dei nomi.”, uno strumento prezioso che vi aiuta a scegliere il “nome perfetto” per il vostro bambino. Un vademecum per sapere tutto sui nomi delle persone. In ordine alfabetico, oltre 500 nomi, dai più classici e diffusi ai più particolari e ricercati. Per ogni nome, l’origine, il significato, l’etimologia, le diverse declinazioni, l’onomastico, il colore e la pietra portafortuna. Aneddoti, vicende e curiosità legati ai personaggi famosi che hanno contribuito alla sua diffusione.

E’ semplice lasciarsi coinvolgere da richiami particolari, ma spesso si ha paura di calcare un po’ la mano e lasciarsi prendere troppo dalla creatività. Attraverso la scelta, i futuri genitori vogliono imprimere fin da subito una personalità decisa, unica, esattamente come il nome che contraddistinguerà il proprio figlio.

Nomi maschili particolari

Tra i nomi maschili particolari, ecco quelli che guidano la classifica delle preferenze per le donne italiane:

  • Adolfo: deriva dal nome di origine germanica Athawulf, (atha- “nobiltà di stirpe”, e  wulfa “lupo”) che significa sia “nobile lupo” che “nobile guerriero”, dal momento che il lupo era simbolo di forza e accompagnava i guerrieri in battaglia. Festeggia l’onomastico il 17 giugno: Sant’Adolfo di Maastricht – Vescovo;
  • Ascanio: ha origine dal nome latino Ascanius che a sua volta deriva dal greco Askánios. È un nome di etimologia sconosciuta ma trova riscontro nell’Iliade come nome di un condottiero di popoli dell’Ascania. Essendo un nome adespota l’onomastico viene festeggiato il 1° novembre, festa di Ognissanti;
  • Amerigo: nasce dal nome di origine germanica Haimerich o Haimirich, ed è composto da haimi- “patria” e rikja “potente, signore”. Il suo significato è “potente in patria, signore nella sua patria“. L’onomastico è il 15 luglio: Sant’Amerigo – Confessore a Bamberga;
  • Boris: un nome che risuona con forza e determinazione, evocando le terre fredde dell’Est. Porta con sé un’aura di mistero e saggezza, come le antiche leggende slave da cui trae origine. Mentre in molte culture è associato alla lotta e al coraggio, Boris è anche un nome che suggerisce profondità e introspezione. Chi porta questo nome spesso cammina con dignità, portando avanti le tradizioni del passato mentre guarda al futuro.
  • Brando: un nome che evoca immagini di carisma e presenza scenica, indissolubilmente legato all’icona del cinema, Marlon Brando. Con radici germaniche, significa “spada” o “fuoco”, suggerendo passione e forza. Chi porta questo nome spesso possiede una personalità magnetica e un’innata capacità di attirare l’attenzione. Brando risuona con un’aura di ribellione e originalità, rappresentando coloro che non hanno paura di seguire la propria strada.
  • Caio: Caio, un nome antico e nobile, risalente alle radici dell’Impero Romano. Spesso associato a leader e pensatori, evoca un senso di saggezza e autorità. Con origini latine, Caio significa “gioioso” o “felice”, suggerendo un carattere ottimista e solare. Chi porta questo nome tende ad avere una personalità affabile e carismatica, capace di illuminare la stanza con la sua presenza. Caio è un nome che combina storia, eleganza e un tocco di mistero.
  • Casimiro: un nome di origini slave, evoca eleganza e raffinatezza. Il suo significato, “annunciatore della pace”, riflette una personalità calma e pacifica. Casimiro è un nome poco comune, ma affascinante, che si distingue tra gli altri. Con un’aura di mistero e un tocco di nobiltà, Casimiro è un nome che lascia un’impressione duratura.
  • Dorian: un nome intriso di letteratura e arte, evoca l’immortalità e la bellezza del celebre “Ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde. Questo nome, di origini greche, significa “discendente di Dorus” e porta con sé un’aura di eleganza e mistero. Chi si chiama Dorian spesso mostra una personalità profonda e riflessiva, con un tocco di enigma che attrae e affascina. Nel corso degli anni, Dorian è diventato sinonimo di giovinezza eterna e di una bellezza che sfida il tempo, rendendo chi lo porta destinato a lasciare un’impronta indelebile nel mondo.
  • Ercole: un nome che risuona con la forza e il coraggio degli antichi eroi. Direttamente legato all’eroe mitologico noto per le sue dodici fatiche, il nome evoca immagini di prodezze e avventure straordinarie. Di origini latine, “Ercole” significa “dono di Hera”, nonostante la dea spesso gli fosse avversa nelle leggende. Chi porta questo nome è spesso percepito come una figura forte, resiliente e determinata, capace di affrontare le sfide con audacia. Ercole è un nome che promette grandezza, un richiamo costante all’eroismo e alla nobiltà d’animo.
  • Ermanno; un nome che evoca legami fraterni e solidarietà. Di radici germaniche, significa letteralmente “uomo dell’esercito” o “guerriero”, ma nel tempo ha assunto connotazioni di fratellanza e amicizia. Chi porta questo nome spesso dimostra lealtà, forza e un profondo senso di appartenenza alla comunità. Ermanno è un nome che risuona con la storia e la tradizione, un promemoria delle antiche battaglie e delle alleanze forgiate nel tempo. È un nome che parla di coraggio, ma anche di unità e di legami indissolubili.
  • Fermo: un nome che evoca stabilità e determinazione. Di origini latine, il suo significato è “stabile” o “fermo”, e chi lo porta spesso dimostra una risolutezza inossidabile di fronte alle avversità. Questo nome richiama l’immagine di una roccia inamovibile, una presenza costante e rassicurante. Fermo è un nome che parla di forza interiore, di chi non si lascia abbattere facilmente e sa quando è il momento di resistere. È un nome che, nella sua semplicità, racchiude un potente messaggio di resilienza e tenacia.
  • Furio: un nome che riecheggia con passione e intensità. Di radici latine, evoca la furia e l’ardore, ma non nel senso distruttivo, piuttosto come un fuoco interiore che brucia con determinazione. Chi porta questo nome spesso ha una personalità carismatica, capace di incanalare la sua energia in maniera produttiva. Furio è sinonimo di spirito indomabile, di chi affronta la vita con passione e vigore. È un nome che parla di tempesta e calma, di chi sa quando agire con forza e quando attendere con pazienza. Furio è un nome che non passa inosservato, proprio come la personalità di chi lo porta.
  • Geremia: un nome antico e profondo, risuona con echi di saggezza e profezia. Di origini ebraiche, significa “Dio eleva” o “Dio esalta”. Chi porta questo nome spesso ha un’anima riflessiva, incline alla contemplazione e alla ricerca di verità più profonde. Geremia evoca immagini di profeti biblici, di uomini che, pur attraversando periodi di sfida e solitudine, sono stati guidati da una fede inossidabile. È un nome che parla di resilienza e speranza, di chi affronta le tempeste della vita con coraggio e determinazione. Geremia è un nome che promette introspezione, crescita spirituale e una connessione profonda con il divino.
  • Gualtiero: un nome di origini germaniche, combina le parole “wald”, che significa “governo”, e “heri”, che indica “esercito”. Questo nome evoca l’immagine di un leader forte e determinato, capace di guidare e proteggere. Chi porta questo nome spesso dimostra una naturale capacità di comando, unita a un senso di giustizia e lealtà. Gualtiero risuona con echi di cavalieri medievali, di uomini d’onore che combattono per ciò in cui credono. È un nome che parla di forza e integrità, di chi non si lascia abbattere dalle avversità e persegue sempre i propri ideali. Gualtiero è un nome che promette coraggio, determinazione e un profondo senso del dovere.
  • Indro: un nome di origini sanscrite, deriva dalla parola “Indra”, che è il nome del dio della pioggia e del cielo nella mitologia vedica. Indro evoca immagini di potenza divina, di tempeste e di dominio sugli elementi. Chi porta questo nome potrebbe avere una personalità forte e carismatica, con una naturale inclinazione verso la leadership. Indro risuona con echi di antiche leggende e racconti epici, di battaglie tra dei e demoni. È un nome che parla di forza e determinazione, di chi ha il potere di influenzare e ispirare gli altri. Indro è un nome che promette avventura, coraggio e un destino legato a qualcosa di più grande di sé.
  • Leon: un nome di origini greche, significa “leone”. Questo nome evoca forza, coraggio e regalità, proprio come il maestoso animale da cui prende il nome. Chi porta questo nome potrebbe avere una personalità forte e determinata, con una naturale capacità di guidare e proteggere gli altri. Leon risuona con echi di antichi re e cavalieri, di battaglie eroiche e di nobiltà d’animo. È un nome che parla di integrità e onore, di chi ha il cuore fiero e la volontà indomabile. Leon è un nome che promette avventure, sfide e un destino legato alla grandezza e alla nobiltà di spirito.
  • Lodovico: un nome di origini germaniche, significa “guerriero famoso”. Evoca immagini di nobili cavalieri e leader carismatici, di coloro che combattono con onore e dignità. Chi porta questo nome potrebbe avere una personalità forte e determinata, con una naturale inclinazione verso la leadership e la protezione degli altri. Lodovico risuona con echi di antiche corti e regni, di arte e cultura rinascimentale. È un nome che parla di saggezza, di chi ha la capacità di vedere oltre l’ovvio e di comprendere le sfumature della vita. Lodovico è un nome che promette eredità, tradizione e un destino legato alla grandezza e alla profondità di pensiero.
  • Lupo: un nome che evoca la selvaggia natura e l’istinto primordiale. Direttamente legato all’animale che rappresenta forza, astuzia e libertà, chi porta questo nome potrebbe avere un carattere indipendente e un forte senso di lealtà. Lupo è un nome antico, radicato nelle tradizioni e nelle leggende di molte culture, spesso associato a guerrieri e leader. Chi si chiama Lupo potrebbe avere un’innata capacità di guidare e proteggere il proprio “branco”. È un nome che parla di coraggio, determinazione e un legame profondo con la natura. Lupo è un nome che promette avventure, sfide e una vita vissuta con passione e determinazione.
  • Neri: un nome che risuona con profondità e mistero. Derivato dal latino “niger”, che significa “nero”, evoca immagini di notti stellate, profondità oceaniche e la ricchezza del carbone. Chi porta questo nome potrebbe avere un’anima riflessiva, capace di sondare le profondità dell’essere umano. Neri è un nome che ha radici antiche, spesso associato a famiglie nobili e storie di coraggio. Chi si chiama Neri potrebbe avere una forte connessione con la tradizione, ma anche una naturale inclinazione verso l’innovazione. È un nome che parla di forza interiore, determinazione e un senso innato di giustizia. Neri è un nome che promette introspezione, saggezza e una vita vissuta con autenticità e passione.
  • Norman: un nome di origini germaniche, evoca l’immagine dei Normanni, valorosi guerrieri e conquistatori. Ha un suono forte e deciso, richiamando la “norma” o la regola. In molte culture, è associato a uomini di grande integrità e forza. Se scegli questo nome per il tuo bambino, gli stai augurando una vita di coraggio e determinazione.
  • Orlando: di radici germaniche, è noto per “Orlando Furioso” di Ariosto. Il nome, diffuso in diverse culture, rappresenta forza, coraggio e nobiltà cavalleresca.
  • Ralph: un nome di origine germanica, derivato da “Radulf”, che significa “lupo consigliere”. Tradizionalmente, è associato a qualità di leadership, forza e saggezza. Coloro che portano questo nome sono spesso visti come protettivi, leali e determinati. La sua antica origine e il suo legame con la natura lo rendono un nome distintivo e affascinante.
  • Russel: un nome di origine francese antica, derivato da “rous”, che significa “rosso”. Originariamente, era un soprannome per qualcuno con i capelli rossi o la carnagione rossastra. Le persone chiamate Russell sono spesso associate a qualità di passione, energia e determinazione. Il nome ha anche connotazioni di forza e coraggio, rendendolo distintivo e memorabile. Nel corso degli anni, è diventato popolare in molti paesi e culture.
  • Tancredi: un nome di origini germaniche, derivato da “Thankrad”, che significa “consiglio coraggioso”. Associato a forza, lealtà e saggezza, chi porta questo nome tende ad essere determinato e protettivo. Raro e distintivo, Tancredi evoca un’aura di nobiltà e un carattere indomito, rendendolo un nome memorabile e affascinante.
  • Xavier : un nome di origine basca che significa “nuova casa” o “castello”. Originariamente utilizzato per indicare qualcuno proveniente dalla città di Javier in Spagna. Chi porta questo nome è spesso associato a qualità come la leadership, la spiritualità e la determinazione. San Francesco Saverio, un missionario gesuita, ha reso popolare il nome nel mondo cristiano. Xavier è un nome distintivo che evoca forza e nobiltà.

D’altro canto a bilanciare l’elenco di nomi maschili particolari e nomi strani, arrivano i genitori dai gusti più classici, che amano la tradizione e puntano su nomi maschili italiani oppure su nomi maschili stranieri classici.

Top 10 nomi maschili tradizionali italiani 2019

Questa è la top 10 dei nomi maschili tradizionali:

  1. Andrea: deriva dal greco antico “anér, andròs” che significa uomo, e “andréia”, coraggio, valore. Il significato del nome è “uomo valoroso e magnanimo”. Festeggia l’onomatico il 30 novembre: Sant’Andrea – Apostolo;
  2. Francesco: si ricollega all’aggettivo tardo latino “Franciscus”, che in origine indicava l’appartenenza al popolo germanico dei Franchi, poi acquisì il significato di “francese”. In Italia è legato a San Francesco d’Assisi, patrono d’Italia e fondatore dell’ordine dei Francescani. Festeggia l’onomastico il 4 ottobre: San Francesco d’Assisi – Patrono d’Italia;
  3. Gabriele: nome di origine ebraica che deriva dalle radici “gabar” (essere forte) ed “El” (Dio) e significa “Dio è forte”. Nella Bibbia Gabriele è l’arcangelo al quale Dio affida il compito di annunciare a Maria la maternità di Gesù. Festeggia l’onomastico il 29 settembre: San Gabriele – Arcangelo;
  4. Alessandro: nome di origine greca che deriva dal verbo “aléxo” (proteggere) e dal sostantivo “anèr, andròs” (uomo) e significa quindi “colui che protegge l’uomo”. Festeggia l’onomastico il 26 agosto: Sant’Alessandro di Bergamo – Martire;
  5. Mattia: declinazione del più comune Matteo, nome di matrice cristiana, deriva dall’ebraico “Matithyah”, composto di “matath” = “dono” e “Yah”, abbreviazione di “Yahweh” = “Dio”, significa pertanto “dono di Dio”. Festeggia l’onomastico il 14 maggio: San Mattia – Apostolo;
  6. Leonardo: è un nome di origine germanica, deriva dal germanico “leo” = “leone” e “hart” = “forte” e/o “valoroso”. Leonardo significa, dunque, “forte come un leone”. Festeggia l’onomastico il 6 novembre: San Leonardo di Noblac – Eremita;
  7. Giovanni: deriva dall’ebraico “Yôhânân”, composto da “Yoh” = “Dio” e “hânân” = “ha avuto misericordia” e significa, pertanto, “Dio ha avuto misericordia”. Festeggia l’onomastico il 24 giugno: Natività di San Giovanni Battista – Profeta e precursore del Signore;
  8. Tommaso: nasce come adattamento del latino ecclesiastico “Thómas”, nome dell’Apostolo Tommaso, noto anche per la sua incredulità circa la resurrezione di Gesù. Festeggia l’onomastico il 28 gennaio: San Tommaso d’Aquino – Sacerdote e Dottore della Chiesa;
  9. Lorenzo: deriva dal termine latino “laurus”, che vuol dire “alloro”,  pianta aromatica presente in tutta Italia. Festeggia l’onomastico il 10 agosto: San Lorenzo – Diacono e martire;
  10. Antonio: è un nome particolare, alcuni studi lo fanno risalire al greco “antomai” = “affrontare” oppure ad “anthos” = “fiore”. Il significato del nome potrebbe quindi essere “fiorente”, ma potrebbe anche avere origine etrusca e quindi un significato ancora sconosciuto. Festeggia l’onomastico il 13 giugno: Sant’Antonio di Padova – Sacerdote e Dottore della Chiesa.

L’etimologia dei nomi tra l’altro assume un ruolo importante nella scelta, c’è chi si affida a nomi che richiamano grandi condottieri (tipo Alessandro Magno), o chi punta su geni assoluti come Leonardo (Da Vinci). Il bello di scegliere un nome maschile nel 21° secolo, è che non si ormai più “costretti” ad essere legati alle tradizioni, cosa positiva, che da libertà e novità.

Nomi maschili famosi

La cosa brutta invece è che molto spesso si trascende e si usa un cognome, un colore, un aggettivo o addirittura un oggetto o, peggio ancora un verso cacofonico, per dare un nome al proprio figlio. Tra i nomi maschili più strani (che qualcuno definisce “nomi originali“) non possiamo infatti non includere Brooklyn (figlio di David Beckham), Oceano (figlio di John Elkann) e Dweezil (figlio di Frank Zappa). Da notare che in questi ultimi tre casi, i padri hanno avuto la fortuna di avere dei banalissimi e normalissimi nomi.

Leggi anche: nomi femminili

I nomi maschili più gettonati nel web divisi per nazione

aggiornamento settembre 2019

  • Francesco: Deriva dal latino “Franciscus”, che significa “appartenente ai Franchi” o “libero”. Festeggia l’onomastico il 4 ottobre: San Francesco d’Assisi.
  • Alessandro: Dal greco “Alexandros”, significa “difensore dell’uomo”. Festeggia l’onomastico il 26 agosto: San Alessandro – Martire.
  • Lorenzo: Dal latino “Laurentius”, che significa “uomo di Laurentum”. Festeggia l’onomastico il 10 agosto: San Lorenzo – Diacono e Martire.
  • Andrea: Dal greco “Andréas”, significa “virile, coraggioso”. Festeggia l’onomastico il 30 novembre: San Andrea – Apostolo.
  • Marco: Dal latino “Marcus”, potrebbe derivare da Marte, il dio della guerra. Festeggia l’onomastico il 25 aprile: San Marco – Evangelista.
  • Leonardo: Dal tedesco “Leonhard”, significa “forte come un leone”. Festeggia l’onomastico il 6 novembre: San Leonardo – Eremita.
  • Matteo: Dal nome ebraico “Matithyah”, significa “dono di Dio”. Festeggia l’onomastico il 21 settembre: San Matteo – Apostolo ed Evangelista.
  • Manuel: Variante di Emanuele, dal nome ebraico “Immanuel”, significa “Dio con noi”. Festeggia l’onomastico il 25 dicembre.
  • Federico: Dal tedesco “Friedrich”, significa “principe della pace”. Festeggia l’onomastico il 18 luglio: San Federico – Vescovo.
  • Flavio: Dal latino “Flavius”, significa “biondo, dorato”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Filippo: Dal greco “Philippos”, significa “amante dei cavalli”. Festeggia l’onomastico il 3 maggio: San Filippo – Apostolo.
  • Mattia: Declinazione del più comune Matteo, nome di matrice cristiana, deriva dall’ebraico “Matithyah”, composto di “matath” = “dono” e “Yah”, abbreviazione di “Yahweh” = “Dio”, significa pertanto “dono di Dio”. Festeggia l’onomastico il 14 maggio: San Mattia – Apostolo.
  • Riccardo: Dal tedesco “Richard”, significa “principe forte”. Festeggia l’onomastico il 3 aprile: San Riccardo – Re.
  • Samuele: Dal nome ebraico “Shemu’el”, significa “Dio ha ascoltato”. Festeggia l’onomastico il 20 agosto: San Samuele – Profeta.
  • Alessio: Dal greco “Alexios”, significa “difensore”. Festeggia l’onomastico il 17 luglio: San Alessio – Confessore.
  • Giorgio: Dal greco “Georgios”, significa “lavoratore della terra”. Festeggia l’onomastico il 23 aprile: San Giorgio – Martire.
  • Daniele: Dal nome ebraico “Daniyyel”, significa “Dio è il mio giudice”. Festeggia l’onomastico il 21 dicembre: San Daniele – Profeta.
  • Michele: Dal nome ebraico “Mikha’el”, significa “chi è come Dio?”. Festeggia l’onomastico il 29 settembre: San Michele – Arcangelo.
  • Pietro: Dal greco “Petros”, significa “pietra”. Festeggia l’onomastico il 29 giugno: San Pietro – Apostolo.
  • Emiliano: Dal latino “Aemilianus”, significa “rival”. Festeggia l’onomastico il 22 gennaio: San Emiliano – Martire.
  • Nicola: Dal greco “Nikolaos”, significa “vittoria del popolo”. Festeggia l’onomastico il 6 dicembre: San Nicola – Vescovo.
  • Vittorio: Dal latino “Victor”, significa “vincitore”. Festeggia l’onomastico il 12 aprile: San Vittorio – Martire.
  • Enrico: Dal tedesco “Heinrich”, significa “padrone di casa”. Festeggia l’onomastico il 13 luglio: San Enrico – Imperatore.
  • Mirko: Forma slava di Enrico, significa “padrone di casa”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Valerio: Dal latino “Valerius”, significa “forte, vigoroso”. Festeggia l’onomastico il 28 luglio: San Valerio – Vescovo.
  • Fabio: Dal latino “Fabius”, potrebbe derivare da “faba”, che significa “fava”. Festeggia l’onomastico il 31 luglio: San Fabio – Martire.
  • Alberto: Dal tedesco “Adalbert”, significa “nobile e brillante”. Festeggia l’onomastico il 7 aprile: San Alberto – Vescovo.
  • Dario: Dal persiano “Dārayavahuš”, significa “che detiene il bene”. Festeggia l’onomastico il 19 dicembre: San Dario – Martire.
  • Cesare: Dal latino “Caesar”, potrebbe derivare da “caesaries”, che significa “capelli”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Umberto: Dal tedesco “Humbert”, significa “guerriero brillante”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Elia: Dal nome ebraico “Eliyyahu”, significa “il mio Dio è Yahweh”. Festeggia l’onomastico il 20 luglio: San Elia – Profeta.
  • Luca: Dal greco “Loukas”, significa “originario della Lucania”. Festeggia l’onomastico il 18 ottobre: San Luca – Evangelista.
  • Davide: Dal nome ebraico “David”, significa “amato”. Festeggia l’onomastico il 29 dicembre: Re Davide.
  • Gabriele: Dal nome ebraico “Gavri’el”, significa “Dio è la mia forza”. Festeggia l’onomastico il 29 settembre: San Gabriele – Arcangelo.
  • Edoardo: Dal tedesco “Edward”, significa “guardiano ricco” o “guardiano della prosperità”. Festeggia l’onomastico il 5 gennaio: San Edoardo – Re e Confessore.
  • Tommaso: Dal nome aramaico “Te’oma”, significa “gemello”. Festeggia l’onomastico il 3 luglio: San Tommaso – Apostolo
  • Giacomo: Dal nome ebraico “Ya’aqov”, significa “colui che soppianta”. Festeggia l’onomastico il 25 luglio: San Giacomo – Apostolo
  • Simone: Dal nome ebraico “Shim’on”, significa “colui che ascolta”. Festeggia l’onomastico il 28 ottobre: San Simone – Apostolo.
  • Christian: Deriva dal latino “Christianus”, significa “seguace di Cristo”. Festeggia l’onomastico il 12 novembre: San Cristiano – Martire.
  • Stefano: Dal greco “Stephanos”, significa “corona”. Festeggia l’onomastico il 26 dicembre: San Stefano – Primo Martire.
  • Diego: Potrebbe derivare da “Didacus”, che significa “dotto”, o potrebbe essere una forma spagnola di Giacomo. Festeggia l’onomastico il 13 novembre: San Diego – Confessore.

Nomi maschili italiani

Tra i nomi maschi italiani più scelti dalle mamme sul web, notiamo che molti sono nomi della tradizione italiana, come Francesco (salito vertiginosamente tra i religiosi), Alessandro, Leonardo e Matteo.

Nomi maschili inglesi

I nomi maschili inglesi sono tra i più scelti, oltre che nei paesi anglofoni e nel Regno Unito, anche in Italia, dove il nome inglese (ma anche americano), ha sempre un fascino intramontabile.

  • Benjamin: Deriva dall’ebraico “Binyamin”, che significa “figlio della destra” o “figlio del sud”. Festeggia l’onomastico il 31 marzo: San Beniamino – Diacono e Martire.
  • Charlie: Una forma familiare o diminutiva di Charles. Festeggia l’onomastico il 4 novembre: San Carlo Borromeo.
  • Daniel: Dal nome ebraico “Daniyyel”, significa “Dio è il mio giudice”. Festeggia l’onomastico il 21 dicembre: San Daniele – Profeta.
  • Ethan: Deriva dall’ebraico, significa “forte” o “costante”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • George: Dal greco “Georgios”, che significa “lavoratore della terra” o “agricoltore”. Festeggia l’onomastico il 23 aprile: San Giorgio – Martire.
  • Harry: Una forma familiare o diminutiva di Henry. Festeggia l’onomastico il 13 luglio: San Enrico.
  • Jack: Spesso considerato una forma abbreviata di John. Festeggia l’onomastico il 27 dicembre: San Giovanni – Apostolo ed Evangelista.
  • Jacob: Dal nome ebraico “Ya’aqov”, significa “colui che soppianta” o “segue”. Festeggia l’onomastico il 25 luglio: San Giacomo – Apostolo.
  • James: Una forma inglese di Giacomo. Festeggia l’onomastico il 25 luglio: San Giacomo – Apostolo.
  • Joseph: Dal nome ebraico “Yosef”, significa “Egli aggiungerà”. Festeggia l’onomastico il 19 marzo: San Giuseppe – Sposo della Beata Vergine Maria.
  • Leo: Deriva dal latino “Leo”, che significa “leone”. Festeggia l’onomastico il 10 novembre: San Leone Magno – Papa e Dottore della Chiesa.
  • Liam: Una forma abbreviata di William. Festeggia l’onomastico il 10 gennaio: San Guglielmo – Abate.
  • Lucas: Variante di Luke. Festeggia l’onomastico il 18 ottobre: San Luca – Evangelista.
  • Mason: Di origine francese, significa “muratore”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Michael: Dal nome ebraico “Mikha’el”, significa “chi è come Dio?”. Festeggia l’onomastico il 29 settembre: San Michele – Arcangelo.
  • Oliver: Di origine latina, deriva dal termine “olivarius”, che significa “coltivatore di ulivi” o “relativo all’ulivo”. Non ha una data specifica per l’onomastico, ma può essere celebrato il 11 marzo in onore di Sant’Oliverio, martire.
  • Oscar: Di origine nordica, potrebbe significare “lancia degli dei” o “amico dei cervi”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Samuel: Dal nome ebraico “Shemu’el”, significa “Dio ha ascoltato”. Festeggia l’onomastico il 20 agosto: San Samuele – Profeta.
  • Thomas: Dal nome aramaico “Te’oma”, significa “gemello”. Festeggia l’onomastico il 3 luglio: San Tommaso – Apostolo.
  • William: Dal tedesco antico “Willahelm”, che significa “volontà di proteggere”. Festeggia l’onomastico il 10 gennaio: San Guglielmo – Abate.

Nomi maschili francesi

Anche i nomi maschili francesi sono ormai una consuetudine nella nostra penisola, ma vediamo in Francia quali sono i nomi più gettonati:

  • Nathan: Deriva dall’ebraico e significa “Dio ha dato”. Festeggia l’onomastico il 24 marzo: San Nathan – Profeta.
  • Lucas: Variante francese di Luca, che deriva dal greco “Loukas”, significa “originario della Lucania”. Festeggia l’onomastico il 18 ottobre: San Luca – Evangelista.
  • Léo: Forma francese di Leo, che deriva dal latino “Leo”, che significa “leone”. Festeggia l’onomastico il 10 novembre: San Leone Magno – Papa e Dottore della Chiesa.
  • Gabriel: Dal nome ebraico “Gavri’el”, significa “Dio è la mia forza”. Festeggia l’onomastico il 29 settembre: San Gabriele – Arcangelo.
  • Timéo: Forma francese di Timoteo, che deriva dal greco “Timotheos”, significa “onore a Dio”. Festeggia l’onomastico il 26 gennaio: San Timoteo – Martire.
  • Enzo: Forma abbreviata di Lorenzo o Vincenzo in italiano, ma in Francia è spesso usato come nome a sé stante. L’onomastico può essere festeggiato il 10 agosto per San Lorenzo o il 27 settembre per San Vincenzo.
  • Louis: Forma francese di Luigi, che deriva dal tedesco antico “Hludwig”, significa “guerriero famoso”. Festeggia l’onomastico il 25 agosto: San Ludovico – Re di Francia.
  • Raphaël: Forma francese di Raffaele, che deriva dall’ebraico “Rafa’el”, significa “Dio ha guarito”. Festeggia l’onomastico il 29 settembre: San Raffaele – Arcangelo.
  • Arthur: Di origine celtica, potrebbe significare “orso” o “roccia”. Non ha una data specifica per l’onomastico, ma può essere celebrato il 15 novembre in onore di San Arturo.
  • Jules: Forma francese di Giulio, che deriva dal latino “Julius”, potrebbe essere legato alla famiglia romana dei Iulii. Festeggia l’onomastico il 12 aprile: San Giulio I – Papa.

Nomi maschili spagnoli

I nomi maschili spagnoli non potevano mancare nella nostra selezione, ecco quindi i più scelti in Spagna:

  • Hugo: Forma spagnola di Ugo, che deriva dal tedesco antico “Hugh”, significa “mente, spirito”. Festeggia l’onomastico il 1º aprile: San Ugo – Vescovo di Grenoble.
  • Daniel: Dal nome ebraico “Daniyyel”, significa “Dio è il mio giudice”. Festeggia l’onomastico il 21 dicembre: San Daniele – Profeta.
  • Pablo: Forma spagnola di Paolo, che deriva dal latino “Paulus”, significa “piccolo”. Festeggia l’onomastico il 29 giugno: San Paolo – Apostolo.
  • Alejandro: Forma spagnola di Alessandro, che deriva dal greco “Alexandros”, significa “difensore dell’uomo”. Festeggia l’onomastico il 26 agosto: San Alessandro – Martire.
  • Alvaro: Di origine germanica, significa “esercito di elfi” o “guardiano di tutti”. Festeggia l’onomastico il 19 febbraio: San Alvaro – Confessore.
  • Adrian: Deriva dal latino “Hadrianus”, che significa “relativo ad Adria”, una città vicino a Venezia. Festeggia l’onomastico il 8 settembre: San Adriano – Martire.
  • David: Dal nome ebraico “David”, significa “amato”. Festeggia l’onomastico il 29 dicembre: Re Davide.
  • Martin: Deriva dal latino “Martinus”, che è legato a Marte, il dio della guerra. Festeggia l’onomastico il 11 novembre: San Martino di Tours – Vescovo.
  • Diego: Potrebbe derivare da “Didacus”, che significa “dotto”, o potrebbe essere una forma spagnola di Giacomo. Festeggia l’onomastico il 13 novembre: San Diego – Confessore.
  • Javier: Deriva dal basco “etxeberria”, che significa “nuova casa”. Festeggia l’onomastico il 3 dicembre: San Francesco Saverio – Missionario e Confessore.

Nomi maschili americani

A differenza dei nomi inglesi, i nomi maschili americani si portano dietro un’ereditarietà che deriva molto spesso dai flussi migratori, ecco i più utilizzati:

  • Noah: Dal nome ebraico “Noach”, che significa “riposo” o “conforto”. Festeggia l’onomastico il 10 novembre: Noè, l’antico patriarca biblico.
  • Liam: Una forma abbreviata di William, che deriva dal tedesco antico “Willahelm”, che significa “volontà di proteggere”. Festeggia l’onomastico il 10 gennaio: San Guglielmo – Abate.
  • Mason: Di origine francese, significa “muratore”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • William: Dal tedesco antico “Willahelm”, che significa “volontà di proteggere”. Festeggia l’onomastico il 10 gennaio: San Guglielmo – Abate.
  • Ethan: Deriva dall’ebraico, significa “forte” o “costante”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Michael: Dal nome ebraico “Mikha’el”, significa “chi è come Dio?”. Festeggia l’onomastico il 29 settembre: San Michele – Arcangelo.
  • James: Una forma inglese di Giacomo, che deriva dall’ebraico “Ya’aqov”, significa “colui che soppianta”. Festeggia l’onomastico il 25 luglio: San Giacomo – Apostolo.
  • Benjamin: Deriva dall’ebraico “Binyamin”, che significa “figlio della destra” o “figlio del sud”. Festeggia l’onomastico il 31 marzo: San Beniamino – Diacono e Martire.
  • Logan: Di origine gaelica, significa “piccola cavità”. Non ha una data specifica per l’onomastico.
  • Aiden: Deriva dal gaelico “Aodhán”, che significa “piccolo fuoco”. Non ha una data specifica per l’onomastico.

Nomi maschili tedeschi

I nomi maschili tedeschi più gettonati sono spesso delle declinazioni dei nomi di origine latina, troviamo infatti nella nostra selezione dei nomi che sono praticamente simili a quelli italiani, vediamoli:

  • Alexander: Deriva dal greco antico e significa “protettore degli uomini”. La festa di San Alessandro è spesso celebrata il 26 agosto.
  • Ben: Abbreviazione di Benjamin, un nome ebraico che significa “figlio del sud” o “figlio della mano destra”. La festa di San Beniamino è il 31 marzo.
  • Elias: Deriva dall’ebraico “Eliyyahu”, che significa “il mio Dio è Yahweh”. La festa di San Elia è il 20 luglio.
  • Friedrich: Deriva dal tedesco antico, significa “re pacifico” o “principe della pace”. La festa di San Federico di Utrecht è il 18 luglio.
  • Georg: Versione tedesca di George, che significa “agricoltore”. La festa di San Giorgio è il 23 aprile.
  • Heinrich: Deriva dal tedesco antico, significa “capo della casa” o “re della casa”. La festa di San Enrico II, Imperatore del Sacro Romano Impero, è il 13 luglio.
  • Johann: Versione tedesca di Giovanni, che significa “Dio è misericordioso”. La festa di San Giovanni Battista è il 24 giugno.
  • Karl: Versione tedesca di Charles, che significa “uomo” o “maschio”. La festa di San Carlo Borromeo è il 4 novembre.
  • Leon: Deriva dal greco “leon”, che significa “leone”. La festa di San Leone Magno è il 10 novembre.
  • Luis: Una variante di Louis, che deriva dal nome tedesco antico “Chlodovech”, che significa “famoso in guerra”. La festa di San Luigi IX, re di Francia, è il 25 agosto.
  • Luka: Una variante di Luca, che deriva dal greco “Loukas”, significando “da Lucania”. La festa di San Luca evangelista è il 18 ottobre.
  • Martin: Deriva dal latino “Martinus”, che significa “dedicato a Marte”. La festa di San Martino di Tours è l’11 novembre.
  • Maximilian: Un nome che combina “Maximus” e “Aemilianus”, che significa “il più grande” e “rival”, rispettivamente. La festa di San Massimiliano è spesso celebrata il 12 marzo.
  • Otto: Deriva dal tedesco antico, significa “ricchezza” o “prosperità”. La festa di San Ottone di Bamberga è il 2 luglio.
  • Paul: Nome che deriva dal latino “Paulus”, che significa “piccolo” o “umile”. La festa di San Paolo Apostolo è il 29 giugno.
  • Thomas: Deriva dall’aramaico “Ta’oma’”, che significa “gemello”. La festa di San Tommaso Apostolo è il 3 luglio.
  • Wilhelm: Deriva dal tedesco antico, significa “volontà di proteggere”. La festa di San Guglielmo d’Aquitania è il 28 maggio.
  • Wolfgang: Deriva dal tedesco antico, significa “viaggio del lupo” o “sentiero del lupo”. La festa di San Wolfgang di Ratisbona è il 31 ottobre.

Nomi maschili russi

Anche i nomi maschili russi riscuotono interesse in Italia, ecco i più scelti nella patria d’origine, tra i quali spiccano anche nomi riconducibili a personaggi famosi:

  • Aleksandr: Deriva dal greco antico e significa “protettore degli uomini”. La festa di San Alessandro è spesso celebrata il 26 agosto.
  • Sergei: Deriva dal latino “Sergius” e potrebbe significare “servitore”. La festa di San Sergio è il 7 ottobre.
  • Dmitri: Deriva dal greco “Demetrios”, che significa “appartenente a Demetra”. La festa di San Dimitri è il 26 ottobre.
  • Andrei: Versione russa del nome Andrea, significa “virile” o “coraggioso”. La festa di Sant’Andrea è il 30 novembre.
  • Sasha: Forma diminutiva di Aleksandr o Aleksandra, significa “protettore degli uomini” o “protettore delle donne”. La festa di San Alessandro è il 26 agosto.
  • Maxim: Deriva dal latino “Maximus”, significa “il più grande”. La festa di San Massimo è il 14 aprile.
  • Evgeni: Deriva dal greco “Eugenios”, significa “nobiltà” o “ben nato”. La festa di Sant’Eugenio è il 2 settembre.
  • Ivan: Versione russa di Giovanni, significa “Dio è misericordioso”. La festa di San Giovanni Battista è il 24 giugno.
  • Mikhail: Deriva dall’ebraico “Mikha’el”, significa “Chi è come Dio?”. La festa di San Michele Arcangelo è il 29 settembre.
  • Artiom: Probabilmente deriva dal greco “Artemios”, associato al dio Artemide, potrebbe significare “sano” o “sicuro”. Non esiste una specifica festa per San Artiom.
  • Nikolai: Versione russa di Nicola, significa “vittoria del popolo”. La festa di San Nicola è il 6 dicembre.
  • Vladimir: Significa “regna con fama” o “regna con pace”. La festa di Vladimir il Grande è il 15 luglio.
  • Boris: Il suo significato è incerto, ma potrebbe significare “combattente”, “corto” o “lobo di lupo”. La festa di San Boris è il 2 maggio.
  • Igor: Deriva dal nome norreno “Ingvar”, significa “difensore di Ing”. Non esiste una specifica festa per San Igor.
  • Yuri: Versione russa di George, significa “agricoltore”. La festa di San Giorgio è il 23 aprile.
  • Vasily: Versione russa di Basilio, significa “reale”, “regale”. La festa di San Basilio è il 2 gennaio.
  • Pavel: Deriva dal latino “Paulus”, significa “piccolo” o “umile”. La festa di San Paolo Apostolo è il 29 giugno.
  • Anatoli: Deriva dal greco “Anatolios”, significa “levantino”, “orientale”. La festa di Sant’Anatolio è il 3 luglio.
  • Leonid: Deriva dal greco “Leonidas”, significa “figlio del leone”. Non esiste una specifica festa per San Leonid.
  • Kirill: Deriva dal greco “Kyrios”, significa “signore”. La festa di San Cirillo è il 14 febbraio.
  • Valentin: Deriva dal latino “Valentinus”, significa “salute” o “forte”. La festa di San Valentino è il 14 febbraio.
  • Fyodor: Deriva dal greco “Theodoros”, significa “dono di Dio”. La festa di San Teodoro è il 9 maggio.

Nomi maschili arabi

Aggiungiamo i nomi maschili arabi alla nostra selezione poichè oltre ad essere famosi (ed anche usati nelle produzioni cinematografiche), sono una consuetudine anche in Italia. Ecco i più scelti:

  • Abdullah
  • Ahmed
  • Ali
  • Abdul Azeem
  • Azhar
  • Hassan
  • Ibrahim
  • Ismaael
  • Khalid
  • Mansour
  • Moosa
  • Muhammad
  • Omar
  • Rashid
  • Samir
  • Tariq
  • Yoosuf
  • Yusuf
  • Zain
  • Harun

Nei prossimi aggiornamenti ci occuperemo di nomi maschili greci, che ci sono molto vicini (almeno geograficamente), e di altre tipologie come i nomi maschili giapponesi o i nomi rari più strani che abbiate mai sentito pronunciare.

 

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…

Gestione cookie