Creazioni eccentriche ed ostentate dal sapore chic, è questa la collezione primavera estate 2011 di Radà, che mixa in Masai-Decò le tradizioni dell’Africa nera e il il fruscìo della Belle Epoque.

Gioielli fatti da minuscole perline Masai, in colori solari, si mischiano a perle. Collier-cascata, bracciali, orecchini che ospitano nappine colorate, a ciuffi.

La vitalità raggiante dell’Africa tribale si sposa al classicismo.

L’elemento Perla resta il perno su cui ruotano divagazioni fantasiose: sull’ìmpalcatura portante dei tessuti si affastellano pietre, ricami, strass.

Il decorativismo afro è la punta di diamante di una collezione che spazia per il Novecento: dalle lunghe collane delle flapper girls all’iconografia degli anni Cinquanta. Radà collega Art Nouveau e edonismo post bellico, unisce frontiere geografiche usando il lessico del gioiello. Monili “narrativi”, che parlano di chi li indossa. Stralci di gros-grain a motivo regimental accompagnano lunghi filari di perle, dal sapore Charleston.

Collari di tessuto sostengono un Niagara perlaceo, spezzato dai bagliori dello strass. I toni virano dal salvia-fango-bianco alle gradazioni di smeraldo, verde acqua e turchesi. Forte, estivo, il binomio oro e giallo paglierino, modulato tra tessuto e pietre. L’esuberanza della pin up alla maniera dei Fifties esplode gioiosa: nelle macro cupole di orecchini sfavillanti, nei torchon policromi, nei bracciali a castoni di strass in misure macro. Ciondoli scrigno volutamente eccessivi: l’apoteosi è nel trittico arancio, rosa, giallo, come l’avrebbe voluto Bettie Page. Piccole anse circolari di organza color burro, cipria, tagliata a vivo, lasciano confluire il mare di ricami, perle, strass, a formare collier-pettorina scenografici.

Le cremagliere di strass serpeggiano sui sandali. Creano liane luminose sulle t-shirt gioiello. Una fila composta di perline forma i tubolari di borse gioiose: dalla shopper con le nappine afro alle tracolle con piping ornamentali.

Categorie: Gioielli.

Articolo pubblicato da
in data: