influencer di successo

Da grande voglio fare l’influencer!

Come aumentare la propria popolarità sui social per chi vuol diventare un influencer di successo? Vi sveliamo tutti i segreti per riuscirci.

In questo articolo scopriamo come aumentare la propria popolarità sui social per chi vuole essere un influencer di successo. Tutti i segreti per aumentare i followers su Instagram, come fare dei post coinvolgenti e quanto postare al giorno. E poi tante informazioni su chi ha meno tempo e decide di investire in pubblicità. Insomma, di tutto e di più sul magico mondo dei Social!

I Social catturano la nostra attenzione e promettono futuri scintillanti, giovani e adulti ne sono così affascinati che ormai, aprire un profilo equivale quasi ad un investimento professionale. Ma come si fa a diventare Influencer di successo? Come aumentare seguaci Instagram? Con quale frequenza bisogna aggiornare i social media? Esiste un numero perfetto di post da pubblicare al giorno?

La prima regola che risponde a tutte le nostre domande, è questa: aggiornamenti costanti. Ma quanto e come postare sui social media? Qual è la frequenza di aggiornamento migliore per tenere alto il tasso di coinvolgimento degli utenti?

Analizziamo i Social network più diffusi:

Facebook

Bisogna distinguere tra pagine e profili personali.

Pagine Facebook

Per quanto riguarda le pagine, ormai la portata organica dei post è talmente esigua che investire grandi energie per tenere sempre aggiornata la pagina è praticamente inutile. La quota organica di visibilità che l’algoritmo assegna a una pagina infatti, si distribuisce su tutti i post della giornata, per cui più post si pubblicano ogni giorno e minore sarà l’impatto di ciascuno. Dunque conviene pubblicare non più di un post al giorno e in generale non più di due o tre alla settimana. Comunque, per avere un buon incremento di visite ed interazioni nelle pagine, l’unico modo è un investimento pubblicitario, anche con piccole cifre, si possono raggiungere grandi numeri e Facebook è ricco di promozioni.

Profili personali Facebook

L’algoritmo premia i profili più attivi e quelli che riescono ad essere più popolari, regalando un incremento di visibilità. In questo senso contano molto la qualità di ciascun post pubblicato e la capacità di creare relazioni stabili con gli altri utenti tali da far alzare l’engagement. Non bisogna essere troppo autoreferenziali, in questo modo si annoiano i nostri amici virtuali, ma anche l’algoritmo non viene “stimolato” da una pluralità du temi. Se si pubblicano molti post al giorno senza ottenere un buon feed, nella maggior parte dei casi è tutta fatica sprecata, meglio allora meno post ma coinvolgenti.

Twitter

Come prima cosa, inserite alcune parole chiave nella descrizione personale: cosa si fa, chi siete, perché tweettate utilizzando poche keyword. Operazione da compiere appena si effettua l’iscrizione a Twitter, anche se si è sempre in tempo per rimediare. Il numero di tweet invece, per quanto riguarda questo social, non sembrano avere una grande influenza né sulla visibilità del singolo post né tanto meno sul tasso di coinvolgimento. Il periodo medio in cui un post ottiene il massimo della visibilità, non supera le due ore, dunque durante la giornata, bisogna postare circa 6 tweet.

Instagram

In questo momento Instagram è il social più “In”. Per quanto riguarda i post pare che non ci sia una frequenza ideale con cui postare, anche se alcuni analisti osservano che i profili più performanti sono quelli che hanno circa cinque post post al giorno. In generale però, l’algoritmo di Instagram non è sensibile al numero di post pubblicati, quanto piuttosto alle interazioni, alle relazioni tra utenti, al contenuto dell’immagine. E’ fondamentale però, tenere una frequenza di pubblicazione costante: se all’inizio si è deciso di postare 10 volte al giorno e poi si scende a 5, sia la portata che il tasso di coinvolgimento possono essere soggetti a un calo. Per quanto riguarda i guadagni, la prima cosa fondamentale da fare è aumentare il numero dei propri follower.

LinkedIn

LinkedIn è il social network dei professionisti e per garantire che i contenuti di ogni iscritto siano popolati sempre di contenuti di qualità all’analisi svolta dal software si affianca l’azione di un team di editor specializzati. Un gruppo di specialisti infatti, si occupa di verificare il valore dei post che l’algoritmo riconosce come dubbi, in modo da decidere se mantenerli in vista o se azzerarne la visibilità. In questo modo la qualità di un contenuto diventa assolutamente determinante per il successo di un account nel social network, ancor più della quantità di post pubblicati. La frequenza migliore di post in LinkedIn è compresa tra 2 e 5.

Pinterest

Pinterest, anche detto il social network delle immagini, viene fondato nel 2010 da Ben Silbermann, Evan Sharp e Paul Sciarra. La caratteristica principale di Pinterest consiste nell’opportunità di appuntare (to pin) virtualmente tutte le immagini del Web che, per scopi disparati, si vogliono conservare. Ogni utente può creare una o più Bacheche relative a un tema specifico, per esempio ricette, viaggi o arredamento. Non va dimenticato che Pinterest è un social network e che l’interazione è pertanto fondamentale, si può fare anche il repin delle immagini di altri utenti, naturalmente si può commentare e mettere dei Like ai loro pin. Per avere successo su Pinterest vanno molto i tutorial circa l’abbigliamento e la cosmesi e le idee circa il riciclo dei mobili, specialmente lo stile shabby chic è molto quotato.

 

Questo è il quadro generale dei Social più usati, ma spesso non si ha molto tempo per postare o fotografare, entrano allora in gioco le aziende che aiutano a pubblicizzare il proprio profilo, ma come spiegato sopra, non sono solo il numero di seguaci a renderci appetibili, ma le interazioni, dunque per guadagnare attraverso i social e diventare Influencer di successo, bisogna impegnarsi e lavorare e, come in tutte le cose, trovare la propria cifra stilistica.

NATIVE ADVERTORIAL

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy