E’ in libreria il libro curato da Giuseppe Iacobelli “Fashion Branding 3.0: la multicanalità come approccio strategico per il marketing della moda”, edito da Franco Angeli.

Il libro intende raccontare perché e come un’impresa della moda debba sviluppare un modello di business caratterizzato da strategie di marketing multicanale.

La tesi dell’opera curata da Giuseppe Iacobelli è che la sfida centrale del fashion marketing sia quella di proiettarsi oltre gli scenari attuali – superando i modelli di marketing tradizionali ed anche reinterpretando al meglio i trend recenti dei social media marketing – per approdare ad un’ulteriore fase di “Branding 3.0” dove occorre realizzare strategie corali e multicanale, in grado di sviluppare la relazione con l’elemento sempre più centrale nel settore moda: il cliente.

Al centro della riflessione sviluppata nei capitoli di questo libro sono aspetti relativi alla co-creazione dei brand, alla capacità di realizzare adeguate forme di experience, alle connessioni tra il mondo della moda ed altri linguaggi di creatività ed arte, all’efficacia dei differenti modelli di distribuzione ed alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie
Il quadro è che nello scenario competitivo del fashion system, più che in altri settori industriali, il valore del brand sconfina rispetto all’aspetto intrinseco dei prodotti e acquisisce dinamiche valoriali e canali di relazione via via più ampi.
La visione suggerita da quest’opera è che la possibilità di ampliare e rafforzare le relazioni con il mercato ed i consumatori, risiede nella capacità da parte delle imprese di sviluppare una visione “sostanziale” di branding, reso possibile dai nuovi media, ma anche dalla ricerca dell’efficienza e delle sinergie dei canali, dallo sfruttamento di asset multivaloriali e dalla capacità di garantire una coralità degli interventi.
Da ciò deriva che l’attuazione di modelli di business multicanale necessita di capacità di management interdisciplinari e a 360 gradi, in grado di realizzare piattaforme di gestione d’impresa più complesse rispetto a quelle tradizionali.

Il volume – realizzato con il contributo coordinato di specialisti nelle diverse discipline manageriali e corredato da una serie di esperienze sul campo – è suddiviso in due sezioni (Scenari ed Esperienze sul Campo) per prendere in esame il fenomeno della multicanalità da vari punti di osservazione: dall’evoluzione delle strategie di retail, ai temi del e-business (e-commerce, infocommerce, m-commerce, logistica e supply chain), all’utilizzo degli strumenti di brand management 2.0 e dei social media, al ruolo del concept store design.

Categorie: Agenda.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: