Chic essenziale. L’allure del bianco assoluto. La purezza di una linea netta.

La geometria di un tratto preciso. La collezione Gianvito Rossi primavera-estate 2011 rilegge atmosfere bourgeois, oscillando fra accenti Seventies e decisi tocchi di sensualità dal sapore Eighties. Due volti, due anime di uno stesso mondo, interpretazione di un’eleganza sottile. Dove è il dettaglio nascosto a stupire. In una dimensione minimale. Ma capace di sorprendere a ogni passo.

Ecco così che l’espressione dell’anima più quotidiana in questa stagione prende forma attraverso un pizzico di Seventies. Con il ritorno della zeppa, rigorosamente in legno, del sabot, capace di osare altezze inedite, e del plateau, riletto in chiave daily grazie all’aggiunta di una piccola fibbia a circondarne il perimetro. Costruzioni importanti, alleggerite dall’estetica essenziale dei materiali naturali, come il legno, la rafia e il canvas accostati alla pelle e proposti in una palette pacata di neutri: tutte le sfumature del cuoio e dei beige con un insolito tocco pomice. Fino a sconfinare nel bianco off.

Forme essenziali che scivolano verso la sensualità sfumata di sandali e décolleté dalla silhouette affilata.
Privi di fondo, estremamente leggeri, a incarnare l’anima più elegante della collezione. Strutture semplici, eteree, che si sviluppano in altezza simili a volute, grazie a giochi di fasce geometriche e intrecci. O creano effetti di pieni e vuoti attraverso l’utilizzo di inserti in plexi. Architetture preziose come i materiali impiegati per costruirle, dal satin al pitone nero o roccia. Con accenti di colore: il rosso, il viola e il fucsia bouganville.

Un universo creativo sempre più ampio ma coerente con se stesso. Che come complementi di collezione, per la prossima primavera-estate, vedrà il debutto delle prima sneaker donna, evoluzione delle proposte maschili presentate a giugno, accanto al lancio di un nuovo modello di borsa a bandoliera, presentata nei toni di stagione: bianco, biscotto e pitone black. Una proposta che si affiancherà ai continuativi del marchio: l’iconica ventiquattr’ore, lanciata con l’autunno-inverno 2010/11 e realizzata in questa stagione anche in una misura media, e due modelli di pochette eleganti.

Di pari passo all’espansione di prodotto, il marchio sta vivendo una fase di crescita del retail diretto.
Il 18 settembre è stato inaugurato un corner di 30 metri quadrati nel nuovo spazio dedicato alle calzature, al terzo piano de la Rinascente di piazza Duomo a Milano. Operazione che si inserisce in un naturale percorso evolutivo della maison, secondo lo schema già sperimentato a Parigi con il corner di Galeries Lafayette. “Sono entusiasta di questa apertura che permetterà alla collezione Gianvito Rossi di essere presente all’interno di una delle principali istituzioni commerciali italiane e di ottenere ancora maggiore visibilità internazionale”, ha sottolineato il designer. Oggi il marchio conta due negozi di proprietà in via Santo Spirito a Milano e in rue du Mont Thabor a Parigi.

Categorie: Scarpe Donna Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: