Che bello sarebbe poter dimagrire grazie ad una semplice pillola! Un sogno che forse potrebbe trasformarsi in realtà. I ricercatori della Harvard University hanno scoperto come influenzare l’abitudine del corpo ad accumulare grassi sottopelle. In parole semplici, si tratterebbe di trasformare le cellule di grasso bianco (che immagazzina le calorie in eccesso) in grasso bruno, ovvero la tipologia di grasso che fa meno male alla salute poiché brucia il grasso bianco.

Sarebbero già in fase di test alcune procedure, capaci di trasformare il grasso bianco in grasso bruno, questo comporterebbe non solo una significativa incidenza nel peso corporeo, ma anche una drastica diminuzione di problematiche come il diabete e l’infarto. E’ risaputo che il tessuto adiposo bruno brucia le calorie, aiutando lo smaltimento delle riserve di grasso dell’organismo.

Il protagonista della scoperta che potrebbe rivoluzionare il nostro concetto di dieta, sarebbe un piccolo enzima responsabile della richiesta di glucosio da parte del cervello, dunque coinvolto nella regolazione dell’assunzione di cibo. La manipolazione attraverso sostanze di questo enzima, per ora ha riscosso successo nelle sperimentazioni sui topi, suscitando ottimismo circa le applicazioni anche sugli esseri umani.
Il nostro cervello è alla costante ricerca di glucosio per produrre energia, va da sé l’importanza di questo alimento ed è proprio l’istinto alla sopravvivenza che ci spinge alla ricerca di cibi ricchi di glucosio, un tempo difficile da reperire, ma che con l’evoluzione è diventato fin troppo facile da ingurgitare, con le conseguenze di sovrappeso, diabete e malattie cardiache.

La creazione di una pillola che soddisfa la richiesta di glucosio al posto del cibo, costituirebbe una svolta epocale nel nostro modo di mangiare e anche di vivere. Ma in attesa che la fase di sperimentazione si concluda e che tale rimedio si dimostri sicuro, oltre che efficace, prepariamoci agli ‘stravizi’ del Natale con saggezza.

Categorie: Benessere donna Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: