La birkin di Hermés

Jane Birkin chiede a Hermés di cambiare il nome dell’iconica borsa Birkin

#Moda: La Birkin Hermès, l’accessorio di lusso ed eleganza più ambito dal fashion system potrebbe cambiar nome.

La Birkin Hermès, l’accessorio di lusso ed eleganza più ambito dal fashion system potrebbe cambiar nome.
Dopo trentuno anni, l’attrice e cantante inglese Jane Birkin ha deciso di chiedere alla Maison Hermès di ritirare il suo nome dalla collezione, dopo aver scoperto le modalità per ottenere la pelle di coccodrillo usata per la realizzazione dei modelli Hermès. Preso in causa è il modello Coco Birkin Hermés, un pezzo di lusso sfoggiato da star illustri e teste coronate come la Duchessa Kate Middleton. La birkin di Hermés

Ma come nacque il mito della borsa Birkin? Tutto iniziò nel 1984, quando l’ex presidente della compagnia Hermés, Jean-Louis Dumas, incontrò in aereo Jane Birkin che trasportava tutti i suoi effetti personali in una cesta in vimini, riferendo a Dumas che quel modello era l’unica borsa comoda di grande dimensioni che le permettesse di portare tutti gli oggetti necessari sempre con lei. A questo proposito l’allora amministratore delegato le assicurò che avrebbe trovato la soluzione giusta al suo problema, realizzando così l’iconico modello ideato su misura per l’attrice inglese che fu così battezzato in suo nome.

La borsa Birkin di Hermès rappresenta uno degli oggetti più costosi e ambiti del mondo della moda, che data la richiesta di Jane Birkin potrebbe cambiare presto nome, dato anche il sostegno ricevuto dall’attrice da parte dell’associazione per i diritti degli animali PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), che da mesi ha lanciato una campagna di denuncia sui maltrattamenti subiti dagli animali durante la realizzazione dei pellami.

Inoltre le ultime notizie d’agenzia riferiscono che la stessa associazione ha deciso di acquistare parte delle azioni Hermès per garantire che la casa di moda francese rispetti i diritti degli animali.

di Claudia Tirendi

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy