L’interesse per le dinamiche del vestire e della realizzazione dei capi d’abbigliamento, lo studio della moda degli anni passati e un’intensa formazione del design, uniti alla sensibilità speciale per cogliere lo stile che viene dalla strada si materializzano in Hard-core Revolution, ovvero la parola chiave della nuova collezione Grinko SS2017.
A Milano Moda Donna lo stilista mixa stili e culture, accostamenti inediti e rivisitazioni che, nelle mani dello stilista, diventano linguaggio personale e riconoscibile.

Così le atmosfere bohemienne della New York anni ’60 si sposano con gli eccessi anni ’80 di Milano e Parigi e al minimalismo della Londra anni ’90.

Rouches e passamanerie tye-and-dye dallo stile country appaiono su giacche di impronta denim streetwear.

Pantaloni-tuta da abbinare a top super fit si accordano con abiti iper-femminili interamente in jacquard. Nuovi mix di tessuti associano fibre naturali quali cotone, seta e lino a viscosa e materiali tecnici.

Su broccati dall’aspetto volutamente fané, quasi strappati dai wallpaper di un salotto anni ’60, si intessono moderni patch plastici trasparenti.

Organze di seta iridescenti riflettono sugli abiti la magia dell’aurora boreale, inserendosi in una delicata palette di viola, blu, indaco, pistacchio oltre ai classici bianco e nero.

Elemento iconico di questa collezione è una surreale coccinella “underground”, realizzata dalla graphic artist Irina Matyuschenko. In questa irriverente interpretazione l’insetto viene disegnato nello stile dei cartoon Hentai, soft porno giapponesi in bilico tra bondage e innocenza favolistica.

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da
in data: