SFILATE

Cerca
Close this search box.
casi peste suina

Allarme per la peste suina, casi in aumento e massima allerta da parte degli esperti: cosa sapere

La peste suina si è trasformata in un problema per l’Italia. Le autorità sono preoccupate per via della sua diffusione.

La peste suina è una malattia molto grave. Si tratta di una condizione virale può che colpire maiali e cinghiali. È altamente trasmissibile e, di conseguenza, nel giro di poco tempo, possono svilupparsi delle vere e proprie epidemie. In Italia, esistono delle misure di sicurezza per evitare che la patologia si diffonda. A volte, però, neanche simili strategie riescono a controllare la situazione.

In questi casi, si procede con l’abbattimento degli animali malati e di quelli che potrebbero essere entrati in contatto con il virus. Ciò, ovviamente, ha delle rilevanti conseguenze. Purtroppo, nell’ultimo periodo, c’è stato un forte aumento dei contagi. Sono state emanate delle regole anche in relazione alle escursioni e ai picnic.

Diffusione della peste suina: preoccupazione tra gli allevatori e le autorità

La peste suina è un problema serio. Non può essere sottovalutato perché basta una piccola disattenzione per dare vita a un contagio di massa. L’epidemia, purtroppo, si sta avvicinando pericolosamente agli allevamenti di maiali di Lodi e Pavia. A creare il panico sono stati dei ritrovamenti sospetti. La morte improvvisa di alcuni cinghiali ha fatto scattare i controlli. Le carcasse sono state sottoposte ai test del caso e, come prospettato dalle autorità, sono risultate positive.

È importante specificare che il virus non è pericoloso per l’essere umano. Nella maggior parte dei casi, gli esseri umani non vengono colpiti e risultano immuni. La carne può essere consumata, ma l’obiettivo principale è quello di bloccare l’epidemia. A risentirne, probabilmente, saranno anche le importazioni estere. Alcuni Paesi hanno già deciso di interromperle per evitare che la peste suina si diffonda anche nei loro allevamenti.

diffusione peste suina
Le autorità italiane stanno cercando di arginare la peste suina – sfilate.it

La patologia non è facile da eliminare. Può restare nell’ambiente per diversi mesi e continuare a infettare maiali e cinghiali. Per questo motivo, sono state emanate alcune norme di sicurezza che impongono agli escursionisti di utilizzare solo i sentieri tracciati o inclusi nella rete regionale e di riporre scarpe e vestiti in un sacchetto di plastica. Successivamente, dovranno essere disinfettati e lavati con estrema attenzione.

La situazione, fino a questo momento, è stata sottovalutata. Solo di recente, gli allevatori hanno iniziato davvero a preoccuparsi. Per ora, non c’è alcuna garanzia. Bisogna solo cercare di rallentare e bloccare la diffusione della peste suina. Eventuali casi sospetti vanno immediatamente segnalati all’ASL per le opportune verifiche.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…

Impostazioni privacy