Un concetto inedito di nuovo classico Gianfranco Ferré anima la prossima stagione estiva, in bilico tra ispirazioni workwear e grafiche navy. Un’inclinazione disinvolta e libera, ma sempre impeccabile, ispira il protagonista dei mesi caldi, attratto dalla tradizione di stile ed eleganza della Maison, eppur sedotto dal carisma audace delle icone cinematografiche anni ’40.

Il bianco gesso, quasi polveroso, e il blu profondo dominano la palette cromatica, interrotta da lievi accenti rosa. I colori principali si uniscono e definiscono nelle righe bicolor delle t-shirt, da indossare con le tute all-in-one e i pantaloni comfort a sigaretta, capi simbolo dell’inclinazione più dinamica e veloce riscoperta dai ritmi del modern living. Una spontaneità che non dimentica le giacche sartoriali, con spalle pronunciate e punto vita segnato, vere uniformi degli aviatori e degli ufficiali di marina delle pellicole in bianco e nero.

Lo studio tecnologico sui tessuti prosegue nelle sperimentazioni più elaborate e funzionali, doppiando i capi con il neoprene, proponendo il cashmere dry, rendendo le lane bi elastiche e spalmando i cotoni fino a renderli lucidi, come tinti in acqua, per un effetto fluido tradotto nei leggerissimi K-way. Anche il popeline di cotone è trattato e reinterpretato come un tessuto crêpe, rigoroso e discreto, su camicie-guru pure e silenziose. Le felpe di camoscio e neoprene si alternano alle sahariane da giorno, proponendosi come giacche sportive ispirate ai viaggiatori del deserto. Le t-shirt sono i nuovi sottogiacca della primavera/estate, in voile di cotone o crêpe de chine: sfiorano riflessi argentei e illuminano l’intensità dei completi in mohair di seta.

Il gusto formale degli outfit blu notte, bianchi e sabbia, è sdrammatizzato dallo spirito rilassato che pervade la collezione e ritrae un guardaroba proporzionato e versatile, completato dalle maglie intrecciate a mano, protettive ma asciutte, anche quando i cordonati di cotone compongono importanti coste inglesi sfalsate e righe bianche e blu dal design netto.
 
Gli accessori nascono da linee essenziali tinte di blu, nero, testa di moro e bordeaux granato: sono capienti borse modello bowling in cocco pregiato e cartelle da lavoro ultra lussuose, in coccodrillo o camoscio e neoprene. Ogni look acquista ironia e vanità con i baschi da artista, in cotone gommato e raffia leggera. Le scarpe sono prevalentemente sportive: sneaker alte, che ricordano i modelli da basket, si alternano a calzature robuste con la suola di gomma rinforzata, proposte in pelle bianca, nera e color cachi. Tra le lace-up English style con punta quadrata a becco d’oca e i mocassini più casual, compare il sandalo ultra flat, con fasce intrecciate di vitello spazzolato e camoscio Sahara.

Ispirazioni new classic, workwear e yacht style convivono coerentemente e si concedono accostamenti à-porter nella Collezione Primavera/Estate Gianfranco Ferré, attraverso una serie di capi intercambiabili e trasversali, adatti ad ogni uomo, ad ogni impegno, ad ogni avventura di viaggio: tra città, countryside e mete esotiche.

Categorie: Sfilate Moda Uomo Primavera/Estate 2010 Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: