Ma esiste una scaramanzia negli accessori di moda?
Voi ci credete? Forza, non fingete, alzi la mano chi non ripete gli stessi gesti ogni volta che deve fare qualcosa di importante, chi non tocca ferro (o altro) per allontanare la sfortuna…chi passa il sale appoggiandolo al tavolo, chi il venerdì 17 non si sveglia preoccupato per le disgrazie che gli capiteranno

A proposito di superstizioni, ne esistono di ogni tipo, alcune veramente inpensabili…

Eccone alcuni esempi:
CAPODANNO :
– Porta fortuna incontrare una persona di sesso opposto la mattina di capodanno,è presagio di guai vedere invece un cavallo bianco;
– gli oggetti buttati dalla finestra rappresentano le preoccupazioni e gli affanni di cui ci si vuole liberare.
– mangiare lenticchie, uva o datteri, la notte di San Silvestro, vuole dire propiziarsi certamente la fortuna economica durante l’anno.

Ma non finisce qui….
CAPPELLO:
Porta male posarlo sul letto.
FORBICI:
-Se cadono a terra, prima di raccoglierle, posatevi il piede sopra per annullare il cattivo presagio.
– Se cadendo, una delle lame si conficca nel terreno è presagio di morte. portano, invece buono se tenute appese al muro.
LETTO:
Porta male scendere dalla parte sinistra, in quanto ritenuta la parte di Satana
PETTINE:
Se vi cade di mano mentre vi state pettinando, qualcuno che vi vuole bene vi sta pensando.
SALE:
– Anticamente era simbolo di amicizia, tanto è vero che si poneva una coppa di sale davanti ai commensali.
– Un giorno, sembra che un invitato abbia inavvertitamente fatto cadere la coppa sul tavolo, suscitando l’ira del padrone di casa il quale, sguainata la spada, uccise il poveretto
Pare che questo episodio abbia fatto nascere il detto che versare il sale porti sfortuna.
Se viene rovesciato sulla tavola prendetene un po’ e lanciatelo dietro la spalla sinistra.
SPILLA:
Se ricevete in regalo una spilla, un temperino o qualsiasi oggetto appuntito, pungete con essi il vostro donatore, oppure regalategli una simbolica monetina.
Se non lo fate, rischierete di troncare il rapporto di amicizia.
SPUTO :
Anticamente sì aveva l’abitudine di sputarsi tre volte sul petto per allontanare qualsiasi maleficio.
Ancora oggi, i corridori si fanno sputare sulla schiena dai loro meccanici, prima dell’Inizio della corsa;

E come non ricordare…“Né di Venere né di Marte, non si sposa non si parte, né si dà principio all’arte” come consiglia un proverbio.

Mai uscire di casa il venerdì notte streghe e diavoli sono in agguato. Ma se proprio dovete farlo, strappate un pelo (possibilmente rosso) a una cane e conservatelo nel

Voi? Avete dei gesti scaramantici particolari?
Raccontateceli nella nostra pagina Facebook!!!!

Categorie: Accessori, Moda Donna Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: