Troppo spesso sulle passerelle sfilano modelle troppo magre.
Che la taglia sia tutto nella moda nessuno lo discute, ma che sia meno di una 40 allora….qualcosa non va.
Tempo fa era sorta la polemica e piu’ case di moda si erano dette d’accordo a non far calcare le passerelle a modelle con una taglia troppo piccola.
Con l’inizio del 2015, in Israele, è entrata in vigore una legge che vieta l’ingaggio di modelle sottopeso per sfilare o pubblicità, ovvero, il rapporto tra peso ed altezza non deve essere inferiore a 18.5, limete al di sotto del quale la “World Health Organization” considera una persona malnutrita.

Non solo, la nuova legge prevede che chi pubblica immaigni dichiari l’alterazione digitale delle misure delle modelle.
Insomma, una bella iniziativa che vuole riportare equilibrio anche sulle passerelle, a disincentivare le ragazze che seguono la moda a cercare di raggiungere l’agognata 38, per capirci.
Troppo spesso le ragazze idealizzano le modelle, vorrebbero essere come loro, e questo è una scelta importante per disincentivare il peso troppo basso.

Resta da chiedersi se una posizione così forte riuscirà realmente a far diminuire i casi di anoressia e bulimia.
Speriamo che passi anche in altri stati ora.

Categorie: Curiosità Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: