“Il comportamento è uno specchio in cui ognuno rivela la propria immagine” diceva Goethe e l’uomo Shirò si muove con pacata serenità nella luce del tramonto, nella fresca vegetazione dei giardini, nella brezza leggera di un lago cristallino.
Semplice sofisticazione è il suo mantra.
Scamosciati iper light ricamati a mano con punti che disegnano rombi e geometrie elementari, sono la quintessenza dell’artigianato meno imitabile.
Camosci e nappe sottoposti a speciali conce al sale rivelano il gusto per la sperimentazione: effetti pioggia e lievi macchie percorrono la pelle sfoderata rendendola straordinaria.
Una concia all’allume di rocca sbianca scamosciati percorsi da rombi cognac e blu, giallo zafferano e blu.
Il coccodrillo “survival” è l’apice del moderno understatement: trattato con lacche, graffiato, invecchiato, logorato effetto craquelé rappresenta il non plus ultra di un uomo che non deve dimostrare nulla. Salvo la sua consapevolezza.
Irresistibili: le slim jacket in black cocco traforato o in cocco color panna dipinte da Massimo Calestrini con spennellate a mano libera di beige, marrone e nero e cucite a punto “sacco”. Eleganti blazer e smoking in scamosciati ultraopachi sia white sia black.
D’obbligo: una grande etichetta in cocco ricamato a mano per personalizzare la limited edition di capi “Survival”.
Da gustare: shorts e polo in nappa trapuntata e colorata. Scarpe in pelli scamosciate o in coccodrillo morbide come pantofole. Maxi borse ultrapiatte in coccodrillo d’altissimo pregio.

Categorie: Abbigliamento Uomo.

Articolo pubblicato da in data: 26.06.2007
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2007